Non c'è stato tempo di far freddare i motori o per riflettere troppo su quanto accaduto domenica scorsa al Red Bull Ring, che i piloti della classe regina sono pronti a scendere di nuovo in pista in quello che sarà un “back to back” sul circuito di Spielberg.

Ancora una volta, infatti, la MotoGP sarà protagonista in quello che prenderà il nome di Gran Premio della Stiria, per una calda domenica a tutto gas.

Rins e Suzuki in cerca di riscatto


Come accaduto anche per le due tappe consecutive di Jerez de la Frontera, i piloti che torneranno in pista venerdì avranno già diversi riferimenti e spunti da seguire. E se domenica scorsa Andrea Dovizioso è riuscito a salire sul gradino più alto del podio, portando la Ducati a conquistare la quinta vittoria consecutiva sul tracciato austriaco, sarà in grado di ripetere l'impresa?

Il forlivese non avrà di certo vita facile visto che in gara le Suzuki di Joan Mir e Alex Rins sono apparse molto competitive: se Mir è riuscito a centrare il secondo gradino del podio, Rins è caduto mentre si trovava nel gruppo di testa. La voglia di riscatto, per lui, sarà quindi immensa e se la spalla ancora infortunata glielo concederà darà sicuramente vita ad una gara in grande spolvero.

MotoGP, GP Stiria: tutti gli orari tv di Sky, TV8 e DAZN

Allarme “orange”


Ma attenzione, perchè sul tracciato “di casa” a far paura sono anche le KTM. Nella prima parte di gara, stoppata poi per l'incidente tra Zarco e Morbidelli, Pol Espargarò si trovava al comando anche con un certo margine sugli avversari. Al rientro dopo la bandiera rossa, però, l'usura delle gomme lo ha penalizzato fino poi a cadere. Anche per lui, così come per Miguel Oliveira (rimasto coinvolto nell'incidente con Pol) la voglia di lottare per il podio e perchè no per la vittoria sarà grande, senza dimenticare Brad Binder che dopo un weekend non proprio al top in gara è comunque riuscito a dire la sua.

Lorenzo: “Pol Espargaro si sta pentendo di aver lasciato KTM”

Yamaha, una seconda chance da cogliere al volo


In ballo, poi, ci saranno anche le Yamaha, anche loro con la voglia di riuscire a riemergere dopo una gara in grande difficoltà: se per Valentino Rossi è arrivato un quinto posto, il leader del mondiale Fabio Quartararo ha chiuso soltanto ottavo, mentre Maverick Vinales è arrivato decimo.
Insomma, non una gara secondo le aspettative che sicuramente dovranno essere ripagate in questa seconda opportunità che il Red Bull Ring avrà da offrire.
Non resta che attendere per capire chi fra tutti riuscirà a coglierla. Le scommesse sono aperte!

GP Austria, Vinales: “Io e Vale abbiamo avuto un gran culo”