La casa di Borgo Panigale è tornata al successo con Andrea Dovizioso, lo scorso fine settimana al Red Bull Ring, e il secondo appuntamento sulla pista austriaca promette scintille. Il forlivese sarà alla ricerca del secondo sigillo stagionale, per puntare alla vetta della classifica iridata dove è lontano per sole 11 lunghezze.

Dovi


Dopo aver ottenuto il cinquantesimo successo nella classe regina per Ducati, “DesmoDovi” che ha annunciato la separazione dalla "rossa",  vuole mantenere il dominio di Ducati al Red Bull Ring, ma sa che questa volta non sarà facile, principalmente per due ragioni: avversari, KTM e Suzuki in primis, e meteo.

Il 34enne ha raccontato: “Dopo la vittoria di domenica scorsa ho potuto staccare un po’ durante questi tre giorni e ora mi sto preparando nuovamente per il secondo GP al Red Bull Ring. La gara di domenica scorsa sarà un buon riferimento per provare a lottare di nuovo per la vittoria, ma abbiamo anche capito che molti dei nostri avversari sono forti e hanno anche loro il potenziale per vincere. Noi siamo migliorati molto in frenata, ma dobbiamo fare ancora un passo avanti lavorando su altri dettagli. Saranno determinanti anche le condizioni meteo che, come abbiamo già visto, possono cambiare molte volte durante il fine settimana”.

KTM: troppe cadute, ma la RC16 c'è

Petrux


Situazione diversa invece per il suo compagno di squadra Danilo Petrucci, che domenica scorsa aveva tagliato il traguardo in settima posizione, dopo esser scattato dalla tredicesima casella. Il pilota di Terni, infatti, non era riuscito ad approdare in Q2 e proprio questo è determinato a migliorare: “Correre per due fine settimana consecutivi sullo stesso tracciato aiuta, perché si arriva alla seconda gara più preparati, con le idee chiare e un obiettivo preciso: migliorare il risultato del weekend precedente. So che posso stare con i piloti davanti, ma ho bisogno di qualificarmi meglio. È la chiave per non dover poi recuperare posizioni durante la gara. Sono fiducioso che lasceremo l’Austria con sensazioni più positive”.

GP Austria: duro botta e risposta tra Petrucci e Espargaro dopo le Qualifiche