Importanti novità arrivano dall'Austria, in attesa di rivedere i piloti del Motomondiale in pista da domani mattina (qui tutti gli orari del weekend). Oggi è stato tempo per quelli che sono stati i protagonisti di due incidenti, avvenuti nella gara di domenica, di essere ascoltati in Direzione gara.

Oliveira- Espargarò nessuna sanzione


Per quanto riguarda l'incidente accorso tra i due piloti KTM, Pol Espargarò e Miguel Oliveira, i commissari della FIM, dopo aver analizzato i dati relativi alle moto, hanno stabilito che si è trattato di un mero incidente di gara.
Mentre entrambi stavano lottando per il quinto posto, è avvenuto il contatto e la successiva caduta.

In un primo momento sembrava che non ci fossero malintesi, ma poi Oliveira si è scagliato contro Espargarò e per questo la Direzione gara ha convocato entrambi e tramite i dati ha potuto appurare che si è trattato soltanto di un incidente di gara. Per entrambi, quindi, non ci sarà nessuna penalità.

Zarco, troppo presto per tornare in pista


Tra i piloti che sono stati chiamati dai Commissari FIM ci sono anche Franco Morbidelli e Johann Zarco reduci dal bruttissimo incidente avvenuto domenica scorsa.

Il francese oggi era atteso anche al Centro Medico in quanto ieri è stato operato per una frattura allo scafoide registrata proprio dopo la caduta.

Arrivato a Spielberg, però, ha capito che il suo ottimismo era un po' troppo precoce e soltanto domani potrà essere visitato per ottenere o meno l'idoneità a correre: “Non eravamo sicuri - queste le parole di Zarco riportate da Sky Sport MotoGP - se potessi scendere in pista domani perchè non sono passate 48 ore dall'intervento. Ora so per certo che non potrò, ma domani farò un'altra visita”.

L'altro protagonista di un brutto incidente avvenuto nella gara della Moto2, ovvero Hafizh Syahrin che ha centrato in pieno la moto di Enea Bastianini è stato dichiarato “unfit” per l'intero weekend.

MotoGP: è ancora Red Bull Ring, KTM e Yamaha in lotta per la seconda chance

Modifiche alla pista


Da parte della Direzione gara, infine, è stato deciso di apportare delle modifiche alla pista alla curva 3 sempre di conseguenza a ciò che è accaduto domenica scorsa. E' stato deciso di allungare gli air fence all'interno della curva 3 per evitare, in caso di incidente, che le moto o i piloti caduti in curva 2 attraversino la pista in curva 3.

Scommesse GP Stiria: i consigli di Motosprint