Anche per Brad Binder, quello che parte domani sarà il secondo weekend consecutivo da affrontare al Red Bull Ring. Per il rookie sudafricano della MotoGP, un inizio di stagione duro, poi il successo di Brno, con relative quotazioni esplose al rialzo.

In Austria, pochi giorni fa, il numero 33 KTM ha rimediato strada facendo dalla prove libere sino al Gran Premio:Venerdì è stato un casino - ammette - infatti, ho passato più tempo nelle vie di fuga e non sul nastro di asfalto. Ciò mi accade quando arrivo su un circuito nuovo con la MotoGP, quindi, un po’ me l’aspettavo, sapevo che avrei tribolato”.

Pare che Brad stia ancora prendendo le misure alla sua esuberante arancione RC16:È difficile frenare bene - spiega - evitare gli impennamenti e capire come guidare nel modo giusto. Dopo un inizio complicato, domenica sono riuscito a mettermi in gara con un passo migliore. Sono partito diciassettesimo e, sulla griglia, sapevo che sarebbe stata molto dura per me rimontare”.

La rimonta è stata, tuttavia, compiuta:Però, sono partito bene - continua - ho recuperato posizioni, imparando dagli altri. Concludere quarto è stato un risultato positivo: mentre ero ottavo, pensavo di non poter superare più nessuno, non è andata così, per fortuna. Ho finito il Gran Premio di Austria parecchio soddisfatto".

Binder apprende velocemente, mettendo in pratica tutto e subito:Quella austriaca è stata una gara strana, la cosa positiva consiste nell’aver capito dove migliorare. Stavolta attaccherò subito. Proverò a sfruttare i giri del weekend con intelligenza. Abbiamo una buona base tecnica sulla quale lavorare e miglioreremo il tutto. Dovremo iniziare forte già venerdì, per poi disputare una bella gara domenica”.

 Chi vince le gare? Lo spiega Paolo Simoncelli