Pol Espargaro è pronto e carico al termine del venerdì del GP della Stiria. La KTM vola sulla pista di casa, come ha dimostrato lo stesso pilota spagnolo, che ha alzato la voce nelle FP2, andandosi a prendersi la vetta della classifica combinata.

Oggi è andata bene. Questa mattina abbiamo girato con lo pneumatico da gara - ha detto Polyccio a Sky Sport MotoGP-. Siamo partiti con quello anche nelle FP2, dopo abbiamo messo la gomma per fare il tempo. Tutto è andato bene, nessuna caduta. Sono stato veloce con le due gomme, veloce sul passo, veloce sul giro... Siamo pronti. Mi piacerebbe essere già a domani".

Lorenzo: “Pol Espargaro si sta pentendo di aver lasciato KTM”

La chiave per far bene è una gara tranquilla


La KTM ha fatto dei grossi passi avanti, grazie al lavoro svolto dal collaudatore Dani Pedrosa, ma il "padrino" della RC16, se così vogliamo definirlo, non è ancora riuscito a concretizzare lo step fatto dalla sua moto.

Mentre il rookie Brad Binder ha già messo in cascina una vittoria, Pol non è andato oltre un sesto posto come miglior risultato, senza neanche riuscire a tagliare il traguardo nella prima delle due gare austriache, chiusa nella ghiaia dopo un contatto con il compagno di marca, Miguel Oliveira (per cui entrambi sono finiti davanti al FIM Steward Panel).

Sarà il GP di Stiria la gara giusta per riscattarsi, magari regalando il successo casalingo alla compagine Orange, che si presenta tra le favorite per la vittoria? Le premesse sembrano esserci tutte e il minore degli Espargaro è convinto che una gara pulita sia la chiave per ottenere un buon risultato in questo weekend. 

"Cosa devo fare per far bene? Solo una gara pulita . Senza problemi, senza bandiere rosse, senza cadute. Tutta questa roba che è successa nelle ultime gare - ha aggiunto Pol -. Una gara normale, tranquilla, dall'inizizio alla fine. È quello che ci vuole. Niente di più".

MotoGP: è ancora Red Bull Ring, KTM e Yamaha in lotta per la seconda chance