Secondo spavento consecutivo rimediato a Spielberg da Maverick Vinales che, dopo essere stato sfiorato da una moto rivale sette giorni fa, oggi si è gettato di sella, strisciando sull’asfalto austriaco per decine di metri.

Il catalano era in pieno rettilineo e, mentre si apprestava alla staccata da affrontare in curva uno, è rimasto senza freni:Stavo battagliando con Dovizioso - il racconto del pilota Yamaha - ma mi sono reso conto immediatamente di ritrovarmi in grosse difficoltà. Ho provato a rallentare, per fare raffreddare un po’ le gomme, però stavo accusando un problema ai freni, che perdevano efficacia di giro in giro”.

Una segnalazione, Maverick l’ha pure fatta. Poi, ha ripreso la corsa, apparentemente normalmente:Per ovviare il problema - spiega - giocavo con la leva, nel tentativo di ripristinarne il normale funzionamento. Non c’è stato niente da fare, perché sono rimasto senza pastiglie. Non avevo più freni. Le si sono surriscaldate e, di conseguenza, finite. Strano, perché nella gara scorsa i freni erano perfetti e faceva addirittura molto più caldo qui al Red Bull Ring”.

Cosa ha pensato Vinales in un momento così difficile? Mai andare in panico: “In quel momento non pensi, tutto è istintivo - conferma - ho avuto la fortuna che, durante la prima staccata, la moto ha frenato. Poi, non più, ma ne sono accorto in tempo, buttandomi giù. Peccato, io mi sentivo bene nella guida, recuperavo nel terzo e quarto settore. La moto soffre quando occorre effettuare sorpassi, dobbiamo fare qualcosa”.

Miguel Oliveira, il primo portoghese al successo in MotoGP