Due volte campione del mondo, Casey Stoner è sempre stato uno dei piloti più sinceri della categoria regina e questo continua a essere un tratto distintivo del suo personaggio. Nel podcast “In the fast lane” ha commentato il campionato 2020 unico nel suo genere e ricco di sorprese, che questo weekend approderà a Misano.

Senza Marc


Il canguro mannaro ha spiegato: “Il campionato è stato svalutato. Senza Marc non c’è un leader in questo momento e questo si vede dai risultati e da chi vince le gare. Marc era un leader e ha portato questo campionato ad un altro livello. Quando correvo io c’eravamo Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e io che stavamo sempre davanti”.

Tutti inseguitori


“Sinceramente credo che possano vincere quasi con tutte le moto della griglia di partenza”, ha continuato Stoner. “Tutti sono molto simili, hanno solo alcuni tratti diversi nel modo in cui trovano la velocità. La grande differenza è che non esiste un leader, e se non sei un leader allora sei un inseguitore. E se sei un inseguitore, devi vedere qualcuno che fa con la moto alcune cose, per credere che puoi farle anche tu. Non è una cosa facile. È successo anche a me in Ducati”. Stoner è stato l’unico finora a vincere il titolo con la casa di Borgo Panigale e ha aggiunto: “Quando non ero più in Ducati, hanno faticato. Non penso di essere necessariamente un leader, ma non ho mai guardato al box accanto pensando che l’erba del vicino fosse più verde. Pensavo che quella era la moto che avevo e dovevo trovare un modo per essere veloce. Questo è esattamente quello che fa Marc, non si preoccupa del resto. È concentrato solo su se stesso per trovare velocità e la gente vede quello che può fare con la sua moto”.

MotoGP, mercato piloti Ducati: largo ai giovani nel 2021

La casa alata


Dal dominio assicurato con il Marziano, a non aver conquistato neanche un podio nei primi cinque Gran Premi della stagione 2020. Honda è in difficoltà e Stoner ha detto: “Senza Marc Honda sembra aver perso un po’ la bussola, e non riesce a mostrare quello che può fare con la sua moto”. Il miglior pilota in pista ad oggi è stato Takaaki Nakagami, sesto nella generale.

MotoGP, c'è l'App per muoversi nel circuito di Misano