Il secondo turno di prove libere per la classe regina ha regalato il giro veloce a Fabio Quartararo che dopo il secondo miglior tempo di questa mattina è riuscito a migliorarsi notevolmente chiudendo in 1:32.189.
Non solo “El Diablo”, ma a regalare una giornata al top al team Yamaha Petronas è stato anche Franco Morbidelli: è suo il secondo tempo fatto registrare in 1:32.367.

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

I risultati delle FP2


Ma se le Yamaha stanno dimostrando di essere davvero molto competitive, a rispondere colpo su colpo agli attacchi sono state anche le Ktm sia ufficiale che Tech3: il terzo miglior tempo è andato infatti a Pol Espargarò (+0,287) mentre il quarto è andato al rookie Iker Lecuona a +0,486 da Quartararo.

Le FP2 hanno rilanciato anche Valentino Rossi che questa mattina non era riuscito ad entrare nella top ten mentre questo pomeriggio ha chiuso quinto (+0,543) davanti al compagno di squadra Maverick Vinales (+0,553). A rientrare nella top ten anche il pilota Ducati Danilo Petrucci con il settimo miglior tempo (+0,636) che ha chiuso davanti a Brad Binder (+0,731), Miguel Oliveira (+0,746) e all'alfiere Aprilia Aleix Espargarò (+0,747).

Andrea Dovizioso ha chiuso invece soltanto undicesimo e ancora non è riuscito a trovare il feeling giusto con la Desmosedici. Da notare il grande lavoro della KTM che è riuscita a piazzare tutti i suoi piloti nelle prime dieci posizioni così come le Yamaha.

MotoGP, GP Misano: gli orari TV di SKY e TV8

La classifica dei tempi combinati


Molto interessante la classifica dei tempi combinati stilata dopo la prima giornata di prove libere che vede al top le Yamaha inseguite dalle KTM, mentre le Ducati sono quasi scomparse dalla top ten se non fosse per il settimo piazzamento di Danilo Petrucci. Nelle prime tre posizioni spiccano i nomi di Fabio Quartararo, Maverick Vinales e Franco Morbidelli con Valentino Rossi in sesta piazza.

Alle spalle del pilota Petronas Morbidelli uno sfavillante Pol Espargarò che è quarto davanti a Iker Lecuona. Ad occupare le prime dieci posizioni, oltre al già citato Petrucci, ancora due Ktm con Brad Binder e Miguel Oliveira e per concludere Aleix Espargarò con l'Aprilia.

MotoGP, Dovizioso: “Il futuro? Non devo decidere adesso”