Dopo la tempesta torna a splendere il sereno e Fabio Quartararo in questa prima giornata di prove al "Marco Simoncelli", sembra iniziare a vedere i primi raggi di sole.

Dopo tre gare corse in difesa, cercando di salvare il salvabile per non perdere troppi punti in classifica, il francese del team Petronas è riuscito a riportare in vetta la sua M1 nelle FP2, firmando il miglior tempo di giornata in 1'32"189, nove millesimi in meno di quanto fatto da Vinales in mattinata.

L'obiettivo è salire sul podio


Una prestazione che certifica l'ottimo feeeling tra la Yamaha e la pista di Misano e che lascia ben sperare Quartararo.

Una bella sensazione tornare a correre bene? "Sì, veramente bella, perché sono state tre gare molto difficili quelle in Austria e a Brno, con veramente tanti problemi", risponde Fabio all'inviato di Sky Sport MotoGP, Antonio Boselli. "Questa è una pista dove la Yamaha va veramente bene. Io mi sento bene. È una delle mie piste preferite".

Lasciate alle spalle le difficoltà delle ultime tre gare, Quartararo può tornare a sorridere pensando alla bottiglia che stapperà sul podio, magari proprio da quel gradino più alto che non vede dall'Andalusia.

"Dalla fine delle FP1 sappiamo di essere qui per lottare per il podio e questo è veramente buono anche per la fiducia, dopo più di un mese senza poter davvero lottare davanti -ha aggiunto il francese - Mi sento veramente bene. Anche questa mattina ho fatto 17 giri di seguito".

MotoGP Misano, Rossi: “Possiamo lottare per un buon risultato”