Dopo aver conquistato la pole position il sabato, a Misano, Maverick Viñales in gara è completamente sparito, tagliando poi il traguardo in sesta posizione e senza lottare per la vittoria. Martedì 15 settembre lo spagnolo è tornato in pista per svolgere una giornata di test e ha nuovamente preso la vetta della classifica con il crono di 1'31.532.

Segni positivi


“Sono ancora un po’ deluso per quello che è successo domenica”, ha iniziato il pilota Yamaha. “Anche nel test siamo stati forti. Anche dopo essere caduto, ho fatto subito un giro veloce. Ho fatto il miglior tempo sul giro con le nuove parti e sento che forse mi può aiutare a guadagnare qualcosa per la gara. Già la scorsa settimana la moto andava davvero bene ed è difficile migliorarla. Con la nuova parte posso ottenere gli stessi tempi sul giro, stando però molto più rilassato. Questo è un segno positivo. Significa che se ho bisogno di spingere, forse posso guidare un po’ più veloce”.

Test


Nel test Viñales si è dedicato a provare il pneumatico posteriore medio, un telaio, un nuovo freno a dito posteriore e le nuove opzioni per il forcellone. E ha raccontato: “Abbiamo risolto il problema del graining che avevo con la gomma media, quindi sicuramente proveremo a guidare di più con la gomma media questo fine settimana, ma anche la morbida ha funzionato molto bene. Ho potuto fare molti giri e ho concluso la sessione con alcuni giri sull’1’32 basso, il che è davvero positivo per noi. Dobbiamo solo capire perché perdo aderenza durante la gara e mi sento come se stessi guidando sul ghiaccio, perché se è risolto, posso guidare molto veloce e fare tempi sul giro davvero buoni senza essere al limite”.

MotoGP, Marquez: "Dopo 6 settimane dall'intervento mi sono operato"