A Misano, dove si è disputato il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, Fabio Quartararo ha raccolto il suo primo zero della stagione. Dopo esser partito dalla terza posizione, è caduto alla curva 4 mentre era quarto e successivamente ha analizzato quanto successo facendosi un bell'esame di coscienza.

Senza pressione


Non è come sembra. Come riporta il sito spagnolo Marca. com, l'ex debuttante francese, che lo scorso anno duellava con Marc Marquez per le vittorie, ha dichiarato: “Puoi essere veloce, ma non puoi comprare l’esperienza. Bisogna viverla, bisogna commettere errori. La gente può pensare che ho avuto pressione, ma in realtà non è così. Voglio vincere il titolo, ma questo è il mio secondo anno. Ho commesso un errore, mi sono emozionato troppo e l’ho pagata cara”.

Misano, l'opinione: Quartararo perde la testa, Dovi la trova, Morbido si sblocca

L'analisi


Ecco come il francese ha vissuto il sesto Gran Premio, disputato a  Misano: “Non ho fatto una buona partenza e ho commesso troppi errori per mancanza di esperienza. Stavo girando dietro a Maverick (Viñales) e avevo la sensazione che potevo essere più veloce di lui mezzo secondo al giro. Ho deciso di superarlo perché avevo paura che Morbidelli scappasse. La gomma anteriore era troppo calda dopo aver girato dietro Maverick e il giro dopo averlo superato sono caduto alla curva 4 perché stavo attaccando come se fossi all’ultimo giro. È stata una buona lezione per me. È stato un errore mio”.

Un errore di gioventù. E ha aggiunto: Pensavo di fare una buona gara, ma questo è un anno strano. Bisogna commettere errori per imparare da questi. Anche Marc e Valentino continuano a imparare, io sono solo al secondo anno”. E questo fine settimana avrà già l'occasione di dimostrare di aver davvero imparato la lezione.

MotoGP Misano, Suzuki: un podio che sa di Mondiale