E’ un Pecco Bagnaia piuttosto rammaricato e sconsolato quello che si presenta all’intervista con Sky Sport MotoGP, nel post gara del Gran Premio dell’Emilia Romagna. Gara che lo ha visto comandare fino alla caduta a 6 giri dalla fine, mentre aveva un buon vantaggio su Vinales. 

Un brutto momento, ma non il solo vissuto da Pecco, che ripensa sconsolato anche agli altri problemi avuti quest’anno, provando a consolarsi pensando già alla prossima gara di Barcellona, dove la Ducati può dire la sua.

MotoGP, Mondiale Piloti: 3 in 1 punto, ma Dovizioso resta in vetta

“La moto faceva paura”


Quest’anno vado un po’ a braccetto con la sfortuna. Dà fastidio perché la moto fa paura, stiamo riuscendo ad essere veloci sempre - dice Pecco in riferimento a quanto successo prima della gara di oggi -. A Jerez ho rotto il motore, a Brno sono caduto rompendomi la tibia per una caduta veramente stupida. Non ci sta andando benissimo”.

Bagnaia parla del weekend e del risultato negativo: “La cosa importante è aver dimostrato di essere stati i più forti questo weekend. In qualifica abbiamo fatto un tempo impressionante, oggi in gara senza spingere stavo andando via. Fa proprio male il fatto di essere caduto per gestire, l’avrei accettato di più se fossi stato secondo cercando di andare a prendere Maverick, mentre invece in questo modo qui dà veramente fastidio”.

La cosa veramente interessante di oggi è che non stavo spingendo - prosegue Pecco parlando della caduta - veniva tutto molto facilmente. Avendo un grande motore, una moto che va molto forte in staccata, possiamo permetterci di non forzar troppo nelle curve come quella dove sono caduto. Non stavo esagerando, andavo tranquillo, vedevo che senza spingere andavo via. Ieri ero in qualifica e stavo dando il 100% ed è stato troppo, mentre oggi non si può dire perchè stavo andando tranquillo, a parte i primi giri dopo aver passato Maverick ho spinto per andare via, gli altri stavo proprio gestendo ed essere caduto in questo modo inspiegabile mi preoccupa un po’. Un conto se avessi avuto degli avvisi dalla moto, ma non ho avuto niente. Analizzeremo i dati per vedere se ho sbagliato io”.

Bagnaia dopo le Qualifiche: “Nella mia testa ho fatto il record della pista”

"Non meritiamo questa sfortuna"


Pensando all’anno scorso, Bagnaia è sicuramente contento ma gli manca ancora qualcosa: “Rispetto all’anno scorso andiamo forte, ma sarei più contento se le cose andassero meglio. Ho perso tre gare nelle quali avremmo potuto fare dei grandi risultati, la gara scorsa è stata l’unica che ho portato a termine senza problemi finendo secondo e questo weekend che ero nettamente più forte sono finito per terra. Mi dispiace molto, anche per il team perché nessuno di noi merita questa sfortuna, stiamo facendo un gran lavoro, ci meritiamo tutti il risultato che avremmo potuto raggiungere oggi. La ruota gira per tutti”.

Il pilota Ducati risponde anche ad una domanda su cosa gli avessero detto Domenicali e Dall’Igna: “Devo essere contento. Loro sono felici perché la mia moto era la più veloce, sto riuscendo a sfruttarla al 100% e piano piano i risultati arriveranno. L’importante è che continuiamo a lavorare bene e questo risultato ci dia la forza per continuare in questo modo qui”.

MotoGP, GP Emilia Romagna: Vinales vince dopo la caduta di Bagnaia