Quella del GP dell'Emilia Romagna poteva essere una gran domenica per il team Pramac, che già dalle Qualifiche aveva salvato l'onore Ducati, piazzando Jack Miller in prima fila, con il secondo tempo, e Francesco Bagnaia in seconda, dopo aver accarezzato la pole postition.

Dopo un avvio di GP che sembrava confermare le velleità del team, con entrambi i piloti in lotta per il podio, i sogni di gloria del team satellite si sono infranti a sei giri dalla fine, quando Pecco è finito nella ghiaia mentre stava gestendo la corsa, e ancor prima, quando l'australiano ha incominciato a perdere terreno, finendo per ritirarsi durante il nono passaggio. Una bella giornata, trasformata in un incubo.

MotoGP, Dovizioso: “La gara? Un disastro. Non abbiamo la situazione in mano”

Jack sabotato da una visiera


O più che in un brutto sogno, nel caso di Miller, in una beffa crudele, perché a causare il calo di potenza, che lo ha costretto alla resa, è stato un souvenir di cui l'australiano avrebbe fatto volentieri a meno: una visiera a strappo del casco di Fabio Quartararo, che è andata a infilarsi nel condotto sul cupolino che porta l'aria al motore.

"Fabio, ho trovato qualcosa di tuo", ha scritto Jack in una storia pubblicata su Instagram dopo la gara, in cui ha mostrato quel che hanno rinvenuto i suoi meccanici dopo aver smontato la Desmosedici #43, per capire la natura del guasto.

"Purtroppo nel secondo giro la mia moto ha risucchiato una visiera a strappo che ha coperto il filtro dell'aria. A volte le gare possono essere un gioco crudele. Ringrazio il mio team per il gran lavoro".

MotoGP, Vinales: “Oggi è andata bene, ma non penso troppo al campionato”