Con la vittoria conquistata al Gran Premio dell’Emilia Romagna, Maverick Viñales è balzato al secondo posto in campionato, alle spalle di Andrea Dovizioso. La Yamaha ora ha tutti e quattro i suoi piloti in lotta per il titolo: da Quartararo a Morbidelli, senza dimenticare Valentino Rossi.

L’inizio della stagione è stato difficile per le noie tecniche e dopo la vittoria di Viñales, il boss di Yamaha Racing Lin Jarvis ha spiegato i problemi che li avevano afflitti all'inizio del campionato.

Questione di valvole


“Abbiamo indagato e visto che c'erano dei problemi con alcune valvole, abbiamo chiesto di cambiare le valvole di quei motori, ma non siamo riusciti a trovare le prove che ci servivano per convincere l’associazione dei Costruttori MSMA a darci il permesso”, ha detto.

Adesso si sa che il problema è derivato da un lotto di valvole difettose e in Yamaha sono stati in grado di identificare quali motori non si sarebbero guastati.

“Dal momento in cui abbiamo ritirato la richiesta abbiamo capito come gestire ed evitare il problema in altri modi”, ha spiegato Jarvis a MotoGP.com “Non possiamo cambiare la parte meccanica del motore, ma ci sono altre cose che possiamo continuare a sviluppare: l’elettronica, lo scarico, i sistemi di gestione... Non sono preoccupato di dover utilizzare lo stesso motore il prossimo anno perché il problema è limitato a un lotto specifico di valvole, e sono fiducioso che le valvole che stiamo usando ora vadano bene”.

Inizio di stagione penalizzato


Alla domanda di come abbiano le problematiche abbiano condizionato Yamaha nel mondiale, Jarvis ha ammesso che la loro performance è stata compromessa. “Ma sono abbastanza fiducioso che possiamo continuare a fare bene", ha detto Jarvis.

A proposito dei suoi piloti, ha detto: Viñales ha molto da dimostrare quest'anno, penso che possa farcela se continua a concentrarsi sulla gara e mantiene alta la sua fiducia personale".

Quartararo ha scoperto che la moto dell'anno scorso era più facile da guidare rispetto a quella di quest'anno. Questa moto ha più potenziale, ma non è così facile da guidare".

Morbidelli, purtroppo, ad inizio stagione ha subito un problema alla moto, ma ha già ottenuto la sua prima vittoria, e se l'ha fatto una volta può farlo ancora, quindi per me non sarebbe una sorpresa vederlo andare molto veloce d'ora in poi".

E Valentino è un animale da gara. Tutti i nostri piloti sono in lotta, la stagione è lunga”, ha concluso Lin Jarvis.

MotoGP, Dovizioso: “Sorpreso di essere in testa al mondiale”