Una vittoria importante e scaccia crisi per Fabio Quartararo quella di oggi. Il pilota Petronas ha dominato la gara ma ha corso un bel rischio negli ultimi giri con il calo della gomma posteriore che poteva portarlo giù dal primo gradino del podio.

E’ una vittoria importate perché permette al francese di tornare in vetta al campionato grazie allo zero di Andrea Dovizioso e guardare con animo diverso alle prossime gare. 

“25 punti importantissimi”


La vittoria odierna di Quartararo è stata importantissima considerando i piazzamenti dei suoi diretti rivali, Vinales e Dovizioso: uno nono, l’altro addirittura fuori dopo poche curve. “E’ stata una gara molto difficile con un calo molto importante della gomma posteriore. Joan andava molto forte alla fine ma l’importante è essere passati per primi sul traguardo. Mi porto a casa questi 25 punti importantissimi.” 

Parlando del consumo gomme, il francese dice: “E’ stato difficile gestire le gomme, il calo è arrivato in fretta. Franco aveva un passo velocissimo ed anche Vale non era male. Pensavo che calassero abbastanza ma non così tanto. Non so come ho fatto a resistere gli ultimi due giri, non riuscivo a guidare, andavo 3” più piano e quasi cadevo ad ogni giro.” 

Per me questa vittoria è più bella delle due di Jerez” – ha aggiunto Fabio parlando del periodo vissuto dopo la doppia in Andalusia – “a Jerez sono riuscito a gestire la distanza di gara. Qui è uscito Joan come un razzo ed andavo a tutta ma non è stato possibile perché non c’era grip.” 

Fabio ha poi spiegato l’esultanza dopo la vittoria di oggi: “Quando vinci le prime due non dico che poi sia tutto facile, ma quando poi fai brutti risultati in serie diventa tutto più difficile. Tornare sul podio ed in prima posizione è stato il momento più bello oggi. Meglio oggi che le due di Jerez.” 

Poi chiude con una battuta: “Non voglio dire che sono il più veloce. Tre vittorie sono già tante in un anno così ma spero di vincere ancora di più.”

MotoGP: Quartararo vince davanti alle Suzuki e torna leader del Mondiale