Era nell’aria da settimane, soprattutto dopo quello straordinario secondo posto che Francesco Bagnaia ha ottenuto a Misano domenica 13 settembre. Quella prestazione così grintosa e determinata, quell’ottimo feeling trovato con la Desmosedici GP20 ha tolto ogni dubbio ai piani alti della casa di Borgo Panigale che ha finalmente ufficializzato il suo passaggio al team ufficiale nel 2021. Al fianco di Jack Miller, suo attuale compagno di squadra nel team Pramac.

VOTA IL SONDAGGIO: Bagnaia - Miller è la coppia giusta per la Ducati?

La sfida


E' una bella storia da raccontare quella che vede come protagonisti "Pecco" e Ducati. Da una parte c'è un ragazzo, cresciuto con il grande sogno Ducati, che dopo sacrifici, gioie, momenti bui, determinazione e tanto tanto impegno, vede realizzarsi ciò che ha sempre desiderato. Dall'altra la casa di Borgo Panigale, che aveva messo gli occhi su quel giovane pilota ancor prima che lui scrivesse la storia in Moto2, credendo nelle sue potenzialità pur non avendo ancora un vero risultato a portata di mano. Bagnaia scrive sul suo profilo Instagram: “Ho scelto di essere un pilota Ducati ancora prima di essere Campione del Mondo Moto2 nel 2018 e loro hanno scelto me ancora prima di sapere che un giorno lo sarei diventato. Questa è stata la nostra scommessa, perché fino a quel momento ero sempre stato un pilota veloce, ma non avevo niente di concreto in tasca: Ducati ha deciso di crederci ancora prima di tutti gli altri. Non sapevamo come sarebbe andata, ma ad oggi, se dovessi tornare indietro, rifarei esattamente tutto da capo”.

Insieme


L’inizio non è stato dei migliori, ma la fiducia non è mai mancata ed è proprio questo uno degli ingredienti fondamentali per qualsiasi relazione di successo. "Pecco" ricorda: “Il mio debutto in MotoGP è stato complicato, ma in Ducati non mi hanno mai messo in discussione: mi hanno dato tutto l’appoggio e la fiducia che servono ad un rookie e mi hanno lasciato fare esperienza nel 2019. Io li ho ascoltati, mi sono fidato di loro, insieme abbiamo imparato a conoscerci e a capirci, e adesso formiamo una grandissima squadra. Mi hanno insegnato un metodo di lavoro che ci ha permesso di toglierci delle belle soddisfazioni e penso che sia solo l’inizio".

Soddisfazione


Il prossimo anno Bagnaia vestirà i colori ufficiali e ammette: "Oggi sono la persona più felice del mondo, per me è un sogno che si avvera: essere un pilota ufficiale Ducati è sempre stata la mia ambizione e ci sono riuscito insieme a tutti coloro che hanno sempre creduto in me anche quando le cose non andavano nel migliore dei modi. Un grazie speciale a Claudio Domenicali, Gigi Dall’Igna, Paolo Ciabatti e Davide Tardozzi per la fiducia, al Pramac Racing Team che mi ha accolto come una famiglia e alla VR46 Riders Academy che mi ha sempre sostenuto in tutti questi anni".

MotoGP, Miller mette all'asta la visiera a strappo di Quartararo