In questa settimana di pausa per il Mondiale la casa di Borgo Panigale ha annunciato i piani per il prossimo immediato futuro. Se nel 2021 a vestire i colori del team ufficiale saranno Jack Miller e Francesco Bagnaia, nella squadra privata Pramac i posti dell’australiano e del piemontese saranno presi da Johann Zarco e Jorge Martin.

La nuova coppia


È stato “promosso” nella squadra privata Johann Zarco, che dopo la brusca separazione da KTM lo scorso anno, aveva ben presto ottenuto l’interesse della casa di Borgo Panigale. Dopo aver passato quest’anno nel team Avintia e aver dimostrato di aver instaurato un buon feeling con la Desmosedici GP, il francese si è meritato il passaggio nel team Pramac. Al suo fianco arriverà il debuttante Jorge Martin, attuale pilota di Moto2, vincitore del titolo iridato di Moto3 nel 2018.

Il futuro


Con tutti questi nuovi e giovani arrivi Ducati ha effettuato un cambio generazionale e ad ammetterlo è lo stesso Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding: “Le corse sono un incubatore tecnologico avanzato in continua evoluzione che rappresenta una parte fondamentale della nostra azienda. Per avere successo è indispensabile continuare a investire in ricerca e sviluppo e non avere il timore di innovare e rinnovare. Per questo sono molto contento dell’inserimento di piloti giovani e di talento che ci fanno guardare al futuro con ottimismo e una costante voglia di migliorarci. Jack Miller e Pecco Bagnaia quest’anno hanno dimostrato di riuscire a sfruttare il potenziale della nostra Desmosedici GP e si sono meritati questa opportunità. Il loro passaggio alla squadra ufficiale dal Pramac Racing Team, dove entrambi sono cresciuti, è prova dell’efficiente collaborazione che ci lega al team di Paolo Campinoti, che desidero ringraziare. Sono sicuro che il prossimo anno la sua squadra saprà valorizzare al meglio anche il talento dei due nuovi piloti Johann Zarco e Jorge Martín".

VOTA IL SONDAGGIO MotoGP: Bagnaia - Miller è la coppia giusta?

2020


Il Campionato 2020 prevede ancora sei Gran Premi e Andrea Dovizioso è ancora in lotta per il Campionato: “Adesso però siamo focalizzati sulla stagione in corso, perché vogliamo ottenere i migliori risultati possibili con i nostri due piloti: Andrea, che in questi otto anni con noi è stato per tre volte consecutive vice-campione del mondo, ha vinto 14 GP, diventando così il pilota Ducati più vincente dopo Stoner, ed è ancora il lotta per il titolo mondiale di quest’anno e Danilo, che si sta impegnando al massimo per tornare a lottare per il podio. Insieme a loro faremo di tutto per concludere al meglio questa nostra bella avventura insieme”.

MotoGP: Honda e Repsol dubbi sul rinnovo