Johann Zarco, al suo ultimo anno con il team Ducati Avintia, è pronto a “tuffarsi” nel GP di Francia. Un GP speciale per lui dato che correrà davanti al suo pubblico anche se non sarà numeroso come al solito.

Il francese è inoltre felice di aver firmato il contratto per il 2021 con il team Ducati Pramac e dal prossimo anno si aspetta grandi cose.

“Sono contento di sapere dove sarò l'anno prossimo”


In conferenza stampa a Le Mans ha parlato quindi della firma del contratto: Mi fa stare bene sapere dove andrò l'anno prossimo - ha detto - e anche sapere di essere su una moto vincente. Ho ancora tanto da imparare in Ducati, domenica non abbiamo avuto dei bei risultati ma penso di essere sulla buona strada. Sono contento per Bagnaia che andrà al team ufficiale, ha dimostrato di meritarsi quel posto. Da parte mia sono contento e motivato, un anno fa la situazione era completamente diversa per me”.

MotoGP Francia, Bagnaia: “La nostra moto è fortissima”

Sul GP di Le Mans


“L'infortunio al polso - ha proseguito il pilota Avintia - sta andando meglio però ci sono dei legamenti che mi fanno male. Ciò non influenza lo stile di guida ma il corpo deve adattarsi a questo problema al polso. In ogni caso le ultime gare non sono dovute a questo, quando hai un infortunio dovresti fermarti ma noi piloti non possiamo. Per il GP di Le Mans la pressione penso che sarà più per Quartararo che per me anche se giochiamo in casa. Io ho tutto da vincere e guadagnare, ci sarà la gente e sarà bello perchè daranno energia”.

Un Campionato particolare...


Infine, è stato chiesto a Zarco così come agli altri piloti cosa ne pensa di un Campionato in cui a vincere potrebbe essere anche un pilota che non ha vinto gare. Il riferimento è stato al pilota Suzuki Joan Mir che al momento è secondo in classifica pur non essendo ancora salito sul gradino più alto del podio: “Può succedere - ha concluso - Mir vuole vincere gare ma penso che se vincesse il titolo anche senza vincere gare sarebbe felice ugualmente.
È una questione di probabilità matematiche e penso che sia possibile”.

Moto2, ufficiale: Di Giannantonio e Gresini di nuovo insieme dal 2021