Brutta botta per il team Factory Yamaha attualmente in Francia: 6 ingegneri incluso il capo progetto della M1 Takahiro Sumi sono in autoisolamento in Andorra dopo che un membro del team di Iwata è stato trovato positivo martedì al tampone effettuato prima di partire per Le Mans al seguito della squadra.

I membri del team, attualmente in isolamento, resteranno in contatto con il resto della squadra presente in Francia grazie agli odierni mezzi di comunicazione che hanno permesso di proseguire il lavoro anche durante questo periodo storico del Covid-19 

Si legge nella breve nota rilasciata dal team Factory Yamaha: “Yamaha Motor Co. Ltd e Yamaha Motor Racing Srl annunciano che sei ingegneri del gruppo Yamaha MotoGP incluso il project leader della M1 Takahiro Sumi non potranno essere presenti al Gran Premio di Francia di questo weekend.” 

L’antefatto


A causa delle restrizioni sui viaggi, diversi membri dello staff Yamaha MotoGP restano ad Andorra nella pausa tra le gare back-to-back. In questa occasione, dopo il test PCR effettuato lunedì prima della partenza da Andorra con destinazione Le Mans, un ingegnere è stato trovato positivo al Covid-19 mentre gli altri sono risultati negativi.

24 ore dopo è stato effettuato un secondo test per verificare la veridicità di quello effettuato il giorno prima con però risultato identico.

L’ingegnere positivo al Covid non mostra segni della malattia ma viene costantemente monitorato dai suoi colleghi e dallo staff medico in Andorra.

Di conseguenza i 6 membri dello staff Yamaha sono in autoisolamento ad Andorra e non potranno essere presenti a Le Mans con il resto del team.

Yamaha si sta attrezzando per far arrivare altri membri dello staff a supporto dei propri piloti nel weekend francese. 

Contatti con le squadre


Il Project Leader della M1 Takahiro Sumi e gli altri 5 membri dello staff resteranno in contatto con il resto della squadra a Le Mans attraverso gli odierni mezzi di comunicazione che il team ha usato sin dall’inizio dell’emergenza che ha colpito anche la stagione 2020 della MotoGP. Con questi mezzi di comunicazione, i membri dello staff ora in isolamento potranno stare in contatto con piloti e team prima, durante e dopo ogni sessione in pista a Le Mans e cercare di portare avanti il lavoro da fare.

MotoGP, Quartararo: “Ordini di scuderia? È presto, magari all'ultima gara