Podio bagnato, podio fortunato quello di Alex Marquez a Le Mans? Mica tanto, perché il catalano non è stato baciato dalla buona sorte, il suo risultato è stato colto con una condotta di gara consistente ed in rimonta, considerando che il numero 73 scattava dalla diciottesima casella dello schieramento di partenza.

MotoGP, Petrucci: “Ne ho sentite tante, volevo vincere per zittire tutti”

Alex Marquez: scelta gomme azzeccata


La pioggia francese non ha intimorito il campione uscente della Moto2, che ha imbastito - bene - una risalita di corrente, arrivando addirittura secondo. Con un sol Gran Premio, AM ha dimenticato le delusioni precedenti: "Normalmente, sono abbastanza veloce e confidente con l’asciutto - spiega - ma questa era la mia prima gara in MotoGP con tali condizioni di bagnato e avevo bisogno di sistemare tutto nella moto. Elettronica ed assetto, sospensioni. Il team ha fatto un gran lavoro, dandomi una moto perfetta con una scelta di gomme azzeccata. Davanti una media, dietro una soffice, entrambe rivelatesi efficaci". 

Ci credeva lui nel secondo posto? Sembra proprio di sì: "Io ero veloce e convinto sin dall’inizio - afferma - lottare per il podio e salirci rappresenta un gran risultato per HRC. In ogni sorpasso, ho provato a fare del mio meglio. Ero meglio di Dovizioso, non di tanto, ma ero più veloce. Però, non ero veloce quanto Petrucci, le condizioni sono cambiate di giro in giro, la pista si è asciugata e non andava bene per noi. Sono felice per il team, ci siamo presi ciò in cui credevamo”.

"Mio fatello Marc? Mi guarda e aiuta"


Non è facile per un rookie MotoGP guidare una Honda ed Alex svela i suoi miglioramenti: "Sì, facile non è, però sto acquisendo confidenza di uscita in uscita. Mi sentivo bene stamattina, perché sembravamo più equilibrati del solito. Sino a ieri soffrivamo di alti e bassi, passo passo siamo entrati nella top ten, che è poi il mio target finale. Soprattutto in qualifica stiamo migliorando, di sicuro questo è un anno strano, difficile. La Moto ha un grande potenziale, stiamo arrivando al vertice”.

Il fratello Marc è ancora impossibilitato al ritorno in sella, però l'otto volte iridato segue con attenzione le mosse di Alex: "Lui è a casa, sul divano, guarda la TV, si rilassa e fa cose del genere... Marc non può correre, ma mi guarda, mi consiglia, ci sentiamo spesso. Credo che lui sia contento di me, questo risultato può renderlo sicuramente felice".

Secondo successo in MotoGP per Danilo Petrucci, che corre da separato in casa con Ducati