La domenica di Valentino Rossi a Le Mans si è conclusa con una caduta ed un nuovo “zero”. Nelle ultime gare il pilota Yamaha ne ha collezionati tre, uno dopo l'altro.

In più, dopo i test che ci sono stati a Portimao in vista dell'ultima gara stagionale, Rossi ha parlato anche della situazione Yamaha, ma soprattutto ha puntato il dito contro Jorge Lorenzo.

Tester per due volte in un anno


Il maiorchino ancora non sa se per il 2021 continuerà la sua esperienza di collaudatore Yamaha anche perchè in questo 2020, nonostante i buoni propositi iniziali, ha effettuato soltanto poche giornate di test, per l'esattezza a Sepang nel mese di febbraio e adesso a Portimao.

La “colpa” non sarebbe del tutto attribuibile a Jorge in quanto il Covid-19 ha scombinato i piani dell'intera stagione. A non essere d'accordo su tutto ciò è però Valentino Rossi che ha riservato parole molto dure nei confronti di Lorenzo.

MotoGP, Petrucci e Ducati, "ultimo bacio" prima dell'addio?

“Deve allenarsi di più con la moto”


“Nel test malese di febbraio – ha detto Valentino riferendosi a Jorge - non è stato male. Ha fatto un buon lavoro, era forte e si è trovato molto vicino a noi, ma poi non ha più guidato una MotoGP prima dei test di Portimao. Penso che Jorge sia una grande opportunità per la Yamaha perché ha un grande potenziale, ma se vuole essere un collaudatore deve allenarsi con la moto. Se ti tengono otto mesi senza toccare una moto, è impossibile spingere al limite una MotoGP. Se Jorge vuole continuare, deve provare e guidare un diverso tipo di moto durante la stagione”.

A buon intenditor...

Alex e la rivincita su Honda: i grandi passi avanti dell' “altro Marquez”