Joan Mir è uno dei candidati alla vittoria finale di questo particolare Mondiale 2020 della MotoGP pur essendo ancora a secco di vittorie. Lo spagnolo si trova al momento in seconda posizione in classifica a 10 punti da Quartararo nonostante una gara sofferta in Francia, chiusa all’11° posto dietro Fabio e Vinales. Mir potrebbe diventare "l’Emilio Alzamora della MotoGP", ovvero vincere il titolo senza salire sul gradino più alto del podio.

MotoGP, Mir: “A Le Mans fa troppo freddo ad ottobre, le temperature sono al limite”

Lo spagnolo, al giornale online Marca, ha rilasciato una lunga intervista nella quale ha toccato diversi temi, tra i quali le sue considerazioni sul mondiale attuale rispondendo alle critiche di Casey Stoner sul fatto che questo campionato abbia perso di valore per l’assenza di Marc Marquez (lungodegente dalla prima gara di Jerez)

L'opinione di Stoner


Casey Stoner infatti aveva criticato il fatto che mancasse un leader in questo Mondiale e che fosse un Mondiale con meno valore mancando la vera star di questi anni della MotoGP ovvero Marc Marquez. L’australiano aveva dichiarato al podcast Fast Lane: “Senza Marc al momento non c’è nessun leader. Lo si vede dai risultati e dalle persone che sono sul gradino più alto del podio. Marc era un leader indiscusso e ha portato il campionato ad un altro livello.”

Le parole di Stoner sono arrivate all’orecchio di Joan Mir che ha risposto in maniera molto piccata alle dichiarazioni dell’australiano definendolo “pensionato” e bollando le sue parole con questa espressione: “Comodo parlare dal divano per un pilota che è sparito e che ricompare solo per fare queste critiche”.

La replica di Mir


Questa la replica dello spagnolo di Suzuki alle dichiarazioni del pilota australiano, ritiratosi dalle gare ormai da 8 anni: “Casey Stoner è scomparso da questo mondo. Dispiace perché ricompare solo quando deve fare affermazioni del genere. Non so perché dica questo, ma così non è. Parlare da lontano e quando si è ormai pensionati è fin troppo semplice.”

Joan ha poi aggiunto una cosa molto importante e cioè che in passato è successo anche con Marquez al suo esordio in MotoGP quando si sono infortunati Lorenzo prima e Pedrosa poi. “Questo è già accaduto allo stesso Marc Marquez e molti piloti, che non erano i favoriti per quell'anno, si sono infortunati e, alla fine, quello che meno se lo aspettava ha vinto il Campionato del Mondo. Penso che la stessa cosa sia successa a Marquez nella sua prima Coppa del Mondo, Pedrosa e Lorenzo si sono infortunati. Ma questo significa che questo Mondiale ha meno valore per lui? Niente affatto, sicuramente è quello che ha più valore perché è il primo. Non capisco che 'siccome Marquez non c'è, il valore è inferiore’.”

MotoGP, GP Aragon: gli orari TV di Sky e TV8