C'è chi dice che il suo rientro sarebbe dovuto arrivare già dal Gp di Aragon, chi ipotizza che rientrerà a Valencia, altri nell'ultima gara in Portogallo.
Il rientro di Marc Marquez continua ad essere avvolto nel mistero, nonostante sia palese che il pilota Honda, finchè non sarà passato un certo tot di tempo (circa tre mesi), non potrà rientrare in pista.

Tre mesi dall'intervento


I tre mesi di tempo, come spiegato anche dal Dottor Costa, il famoso medico che ha curato tanti piloti della classe regina, sono quelli che servono ad un omero operato con una placca a risaldarsi.
Marquez ha provato a rientrare a pochi giorni dall'intervento ma come tutti hanno potuto vedere è stato un “flop”, per non parlare del secondo intervento che l'otto volte iridato ha dovuto subìre dopo che la placca si è piegata per un semplice gesto quotidiano.
Se il 2020 non è partito sotto una buona stella per Marc Marquez, crediamo comunque che il rientro dello spagnolo sia importante che avvenga prima della fine del Campionato. Ecco perchè...

Perchè è importante che rientri


Intanto, è cosa appurata che i piloti debbano allenarsi in moto: corsa, bici etc, sono un buon allenamento ma niente sostituisce la moto, specialmente quando si tratta di una motogp.
Lo ha fatto presente poche settimane fa Valentino Rossi rivolgendosi ad un “arrugginito” Jorge Lorenzo (tornato a testare l'M1 dopo 8 mesi di assenza dai circuiti).
Marquez, poi, è vero che viene da un infortunio importante ma è giovane e allenato, e soprattutto è un pilota: come i suoi colleghi, la capacità di recupero è molto più rapida rispetto alle persone comuni e in più il suo corpo è abituato a compiere determinati movimenti che possono essere definiti automatizzati.

MotoGP, Honda e Repsol scacciano la crisi: insieme per altri due anni

Non c'è sicurezza sui test invernali


Senza dimenticare che tornare in pista nella prima o seconda gara di Valencia vorrà anche dire tornare a testare la RC213V con la quale non ha un feeling da tanti, troppi mesi.
Con il covid sempre in agguato, poi, dopo i test di fine stagione 2020, non è certo quando i piloti della MotoGP potranno tornare in pista: se Sepang rimarrà “off limits” le piste europee saranno molto fredde in pieno inverno e il rientro di Marquez slitterebbe ancora.
Non c'è dubbio quindi che Marc debba rientrare: starà a lui capire quanto e come potrà forzare, ma prima della fine della stagione il rientro è d'obbligo.


MotoGP, Teruel: Quartararo cerca il riscatto, Mir la 1° vittoria...chi la spunterà?