La roulette russa ha ripreso a girare: nel mirino, in questa stagione 2020, ben quattro piloti MotoGP che nel giro di quattro gare, le ultime a disposizione, dovranno svelare le loro carte ed agire al meglio. In palio c'è il titolo iridato, tanto ambito, ma mai come quest'anno così in ballo.

Mai così tanti protagonisti


Dal 2002, anno in cui si passò dalla 500cc alla MotoGP i Campionati vedevano due, massimo tre piloti in lotta: emblematiche le sfide tra Rossi e Gibernau, Rossi e Biaggi, il 2006 con Hayden e Rossi, e ancora Stoner e Rossi, Lorenzo e ancora Rossi, ma quattro piloti racchiusi in 15 punti, quando mancano quattro gare alla fine della stagione è un evento davvero raro. Con l'ingresso di Marc Marquez nella classe regina dal 2013, poi, le annate (ad eccezione del 2015) sono state (quasi) scontate.

MotoGP, Marquez e il rientro: obbligatorio prima della fine della stagione

I primi ad essere esclusi


I Fantastici quattro in questione sono: Joan Mir (Suzuki), Fabio Quartararo (Yamaha Petronas), Maverick Vinales (Yamaha) e Andrea Dovizioso (Ducati).

Ma è possibile capire chi vincerà il titolo? Assolutamente si. Il primo da escludere, è Andrea Dovizioso: anche se non vorremmo, i risultati parlano chiaro. La sua stagione è stata altalenante, e a parte l'exploit nel GP dell'Austria e un terzo posto a Jerez 1 ha avuto sempre diverse difficoltà. Stessa cosa per Maverick Vinales che riesce a passare dalle stelle alle stalle non sono di gara in gara ma nell'arco di uno stesso weekend.

MotoGP, Joan Mir: ecco chi è l'astro nascente della classe regina

È Mir il prescelto


A rimanere in lotta restano quindi Quartararo e Mir, ma dei due, le chance giocano più a favore dello spagnolo che del francese: Mir nelle ultime cinque gare ha conquistato 77 punti, mentre Quartararo 45.

Il francese, sotto pressione, sembra non riesca a rendere troppo, in più la Yamaha non sempre riesce ad adattarsi bene ai circuiti.

Ecco quindi che il vero pretendente al titolo è Joan Mir: costante, con una Suzuki sempre in crescita e con un temperamento da vero leader. Ancora per lui manca la vittoria in MotoGP, ma può ancora arrivare...se poi non arriverà sarà il primo pilota MotoGP ad aver vinto il titolo senza vincere una gara andando a fare compagnia ad Emilio Alzamora che nel 1999 vinse il titolo 125cc con la stessa modalità.

CIV Lolli, "l'Alzamora" della Premoto3: “Niente vittoria? Il titolo è più importante”