E' stato stratosferico Takaaki Nakagami chiamato al secondo appuntamento sul tracciato di Aragon. Le qualifiche se le è prese lui, con una pole position firmata in 1:46.882. Per lui si tratta della prima pole in top class.

I suoi avversari non hanno potuto nulla contro la furia giapponese, nonostante Franco Morbidelli, sullo scadere del tempo, è riuscito a portarsi al secondo posto a soli 63 millesimi da lui.

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

La griglia di partenza


La gara di domani, quindi, non potrà che avere una partenza sprint: insieme a Nakagami in pole e a Morbidelli al secondo posto, a scattare dalla prima fila sarà anche Alex Rins, vincitore ad Aragon nella gara di domenica scorsa: lo spagnolo al parco chiuso ha ringraziato il francese Fabio Quartararo grazie alla scia che gli ha dato e che lo ha aiutato a portarsi in questa ottima posizione.

Ma in lotta da subito ci sarà anche Maverick Vinales, quarto a +0,359, mentre l'ultimo dei piloti Yamaha ad arrivare in classifica è stato Fabio Quartararo che ha chiuso con il sesto miglior tempo a +0,444 dal giapponese.

Dalla settima posizione scatterà invece Cal Crutchlow davanti a Miguel Oliveira e Pol Espargarò, mentre Alex Marquez  sarà decimo e precederà Iker Lecuona e il leader del mondiale Joan Mir.

MotoGP GP Teruel, Meregalli: “Valentino sta meglio”

Sprofondo rosso


Merita un capitolo a parte la situazione Ducati: tra tutti i piloti Desmo, l'unico che è riuscito a risalire dal Q1 è stato Johann Zarco che poi ha chiuso il Q2 con il quinto tempo.

Ad eccezione del francese, nonostante questa volta non ci siano stati problemi di strategie come sabato scorso, le Ducati di Andrea Dovizioso, Jack Miller, Danilo Petrucci e Francesco Bagnaia hanno continuato ad avere problemi, molto probabilmente con le gomme.

Jack Miller ha chiuso il Q1 con il 14esimo tempo, Dovizioso con il 17esimo seguito da Bagnaia e con Petrucci 19esimo. Domani la rimonta sarà davvero durissima.

MotoGP, quando rientra Marc Marquez? Per Bradl non in questa stagione