Il Gran Premio di Teruel ha perso nel corso del primo giro colui che poteva essere uno dei grandi protagonisti della gara. Takaaki Nakagami, scattato molto bene dalla pole position, ha perso il controllo della sua Honda RC213V (come lui anche Alex Marquez) alla quinta curva e non ha più avuto la possibilità di ripartire, buttando all’aria un’occasione ottima che avrebbe potuto rilanciarlo in ottica mondiale. Il giapponese era sempre stato in prima o seconda posizione in tutti i turni del fine settimana e da lui domenica ci si aspettava tanto.

MotoGP Teruel, Miller: "La tuta era distrutta, sono fortunato a stare bene"

Le scuse


Dopo aver sbollito la rabbia nel suo box, seduto al suo posto con le mani a preghiera e il capo appoggiato sopra, il giapponese ha chiesto scusa ai ragazzi che hanno lavorato per lui: “Prima di tutto voglio chiedere scusa a tutto il mio team perché questo fine settimana in tutte le sessioni siamo stati davvero competitivi ed eravamo pronti per ottenere un ottimo risultato. Pensavo di poter vincere la mia prima gara in MotoGP”. Il pilota del team LCR fino a quel momento aveva mostrato una costanza incredibile, chiudendo tutte le dieci gare nella top 10.

La competitività c’è


La perdita di anteriore al primo giro non gli ha lasciato via di scampo e lui stesso ha ammesso: “Purtroppo ho commesso subito un errore, forse per la troppa pressione. Sono molto deluso ma cercheremo di guardare avanti con ottimismo perché per tutto il weekend siamo stati veloci”. È meglio buttarsi alle spalle quanto accaduto e pensare già al Gran Premio d’Europa, in programma tra due settimane sul circuito di Valencia: “Proveremo a rimanere concentrati sul nostro lavoro a Valencia, dove ci sono due gare consecutive. Ringrazio tutti i miei tifosi che mi supportano”.

MotoGP Teruel, Mir: "Franco ha sfoggiato un passo incredibile"