Stava lottando per migliorare il suo miglior risultato stagionale (il decimo posto a Brno), Aleix Espargaro nel Gran Premio di Teruel, quando a tre giri dalla fine un problema tecnico l’ha messo fuori gioco. Un peccato per il maggiore dei fratelli Espargaro, che era partito tredicesimo ed era subito riuscito a stare nella top 10, riuscendo a fare buoni sorpassi e mantenendo un bel ritmo.

Il morale è alto


Nonostante l’avaria l’abbia costretto all’arrivo anticipato nel box il pilota catalano non ha perso il buonumore: “Devo essere soddisfatto della mia prestazione complessiva nel weekend. Abbiamo migliorato molto il setup rispetto alla settimana scorsa, sabato in qualifica sono stato estremamente veloce e in gara ho dato il massimo”. Passi avanti che fanno ben sperare per lo sviluppo della giovane RS-GP.

Esclusica, Savadori: "CIV di alto livello, ma mi piacerebbe tornare nel Mondiale"

Buona velocità


Il destino però ha voluto che non riuscisse a concretizzare le buone sensazioni e lui stesso ha raccontato: “Ho fatto buoni sorpassi, con un ritmo da top 5, e a pochi giri dalla fine avevo raggiunto con facilità anche Quartararo e Viñales. Proprio mentre stavo per attaccare Fabio il motore si è fermato, e non c’era più nulla che io potessi fare”.

Il dispiacere è alto, ma Aleix, molto ottimista di natura, vede il bicchiere mezzo pieno: “È difficile da accettare ma, ripeto, sono soddisfatto del lavoro svolto”. Ci riproverà a Valencia.

MotoGP Teruel, Dovizioso: "Brutto correre così"