Nel 2021 Jorge Lorenzo potrebbe vestire i colori di Aprilia in MotoGP in veste di collaudatore, lasciando così quelli di Yamaha per cui ha lavorato quest’anno. La trattativa tra le due parti pare essere aperta e per la casa di Noale sarebbe proprio un colpaccio avere a disposizione un cinque volte campione del mondo (due in 250cc proprio con Aprilia e tre in MotoGP), che nel corso della sua carriera ha assaggiato tre delle moto più veloci e importanti della griglia di partenza: Yamaha, Ducati e Honda.

Salto di qualità


Questo passo è certamente in linea con il rinnovamento (e miglioramento) fatto dall’azienda Aprilia Racing, la cui posizione è nettamente cambiata da quando è arrivato Massimo Rivola. Il nuovo amministratore delegato ha riorganizzato il Reparto Corse, dando così uno spirito nuovo alla casa di Noale e questo si è tradotto indubbiamente in un salto di dignità e prestazione che è stato percepito anche da fuori. Un segnale di potenziamento necessario per voler arrivare a stare davanti nella categoria regina più importante del mondo e non a caso proprio quest'anno ha debuttato in pista la nuova Aprilia RS-GP.

MotoGP GP Teruel, Aleix Espargaro: "Avevo un ritmo da top 5"

2 su 4


L’obiettivo di Aprilia è quello di avere quattro piloti sotto contratto nel 2021 e al momento è a metà dell’opera. Infatti confermati per il prossimo anno ci sono Lorenzo Savadori, in veste di tester che disputerà le ultime tre gare della stagione, e Aleix Espargaro che ha firmato un contratto biennale.

Per completare il quadro ci sono cinque nomi in ballo. In primis quello di Andrea Iannone, il cui futuro sarà reso noto a metà novembre dal TAS, dopo la positività al caso doping. Poi quelli di Cal Crutchlow, pilota del team LCR al momento senza sella, e Andrea Dovizioso, il cui nome però pare essere ora molto più vicino a Yamaha. E infine Bradley Smith, collaudatore Aprilia dal 2019, e appunto quello di Jorge Lorenzo, con cui ora le trattative sono avviate. Nelle prossime settimane il quadro sarà più definito.

MotoGP, Mondiale piloti: Morbidelli in corsa per il titolo