Nella settimana di pausa, prima di ripartire in vista dell’ultima tripletta di MotoGP, cade il compleanno di Cal Crutchlow che può così festeggiare in famiglia, con la moglie Lucy e la figlia Willow. Infatti il pilota che vive all’Isola di Man compie oggi, giovedì 29 ottobre, 35 anni e prima di soffiare sulle candeline esprimerà il desiderio di poter correre anche nel 2021 in MotoGP.

Il futuro e il presente


Ad oggi l’inglese è infatti senza sella, dopo che Honda ha confermato il giapponese Takaaki Nakagami nel team LCR, che sarà affiancato dal giovane Alex Marquez. L’unica opzione possibile di Crutchlow riguarda la casa di Noale, ma tutto resta bloccato fino a quando non arriverà la sentenza del TAS che decreterà il futuro di Andrea Iannone. Questa quindi potrebbe essere l'ultima stagione di Cal, che è stata fortemente condizionata dai diversi infortuni avuti.

Esclusiva, Cecchinello: "Nakagami ha stupito tutti quest'anno"

I suoi successi


Un personaggio sui generis, senza peli sulla lingua, Cal sta disputando la sua decima stagione in MotoGP. Dopo il debutto nel 2011, l’inglese è andato a podio fin dalla sua seconda stagione ma è nel 2016 che ha centrato l’obiettivo vincendo la sua prima gara della top class (nonché la prima gara per un pilota britannico) con Honda sulla pista di Brno dove proprio quattro anni prima conquistava il primo podio iridato nella massima cilindrata. Quell’anno Cal riuscì anche a calare il bis in Australia e si è poi ripetuto in Argentina due anni dopo.

Prima di approdare in MotoGP il 35enne aveva vinto in Supersport, diventando campione con Yamaha nel 2009, e l'anno successivo trovò la vittoria anche in Superbike, presentandosi così in MotoGP con un bel biglietto da visita.

MotoGP, Ducati: anche quest'anno (forse) si vince l'anno prossimo