A causa della seconda e forte ondata di covid-19 che si sta diffondendo in tutto il mondo, il Granpremio del Portogallo è in “forse”. A parlare di questa ipotesi è il Segretario di Stato per la salute portoghese che, come riportato dal giornale desporto.sapo.pt, ha detto che l'evento MotoGP in programma nel weekend del 20-22 novembre 2020 è sotto attenta valutazione.

Troppi casi anche in Formula 1


Il GP del Portogallo era entrato nel Calendario MotoGP 2020 come tappa conclusiva del Motomondiale e dovrebbe svolgersi sul circuito di Portimao: tracciato noto ai piloti della Superbike e meno a quelli della MotoGP.

Ecco però che con l'aggravarsi della situazione legata al covid-19 e visti anche i quattordici casi che si sono registrati proprio in Portogallo tra i team della Formula 1, che hanno girato lì il weekend scorso, il Gran Premio MotoGP sarebbe fortemente a rischio.

MotoGP, Lorenzo: “La mia prima opzione è sempre Yamaha”

“Valuteremo”


"L'evoluzione della pandemia comporta che tutte le misure restrittive legate agli eventi vengono valutati di volta in volta a seconda dei casi". - Ha detto il Segretario di Stato per la Salute Diogo Serra Lopes.

Ecco che quindi un grosso punto interrogativo pende sulla tappa portoghese e chissà che i due Gp di Valencia, dove la situazione non è proprio delle migliori, non diventino le gare finali di questo 2020 ricco di tante incognite.

MotoGP, Yokoyama: “Senza l'infortunio di Marc la Honda non sarebbe cambiata