La quinta posizione in classifica generale con un distacco di soli 28 punti dal leader Joan Mir mette Andrea Dovizioso nella condizione di poter ancora lottare per il campionato, quando mancano soltanto tre gare alla fine della stagione.

Ma Dovi, a Valencia, riuscirà a ritrovare il feeling ormai perso con la Desmosedici?

“Mi manca feeling e velocità”


Sembra che il weekend spagnolo non partirà proprio nel migliore dei modi in quanto per domani è attesa la pioggia: ”Se pioverà - spiega il forlivese - cercheremo di sfruttare l'opportunità con intelligenza. Quando le condizioni saranno asciutte, però, ci sarà da spingere al massimo per lottare con gli altri. I miei avversari hanno un feeling con la loro moto e vanno forte. A noi manca tutto questo, vediamo come andrà su questa pista, noi come sempre cercheremo di dare il massimo”.

MotoGP GP Europa, Mir: “Sento la pressione, ma non bado agli altri”

Weekend bagnato, weekend fortunato?


La preoccupazione in Casa Ducati non è poca visti i risultati ottenuti da Andrea nelle ultime gare nelle quali ha ottenuto come miglior piazzamento un quarto posto a Le Mans: “Per il modo in cui guido - ha spiegato - queste gomme non funzionano e non siamo riusciti a trovare cose positive per cambiare la stagione. È stato complicato lavorare e migliorare e in ogni gara ci sono stati tanti alti e bassi. La realtà è questa ma qui a Valencia sarà diverso. Domani partiremo sul bagnato quindi il weekend sarà diverso dai precedenti, dobbiamo mantenere la calma e lavorare per dare il meglio".

MotoGP, GP Europa: nuova livrea per LCR e Crutchlow

Manca poco alla scelta


Infine, sulle spalle di Dovi, pesa ancora l'incognita futuro anche se l'ipotesi Yamaha sembra semrpre più concreta:Non ho ancora preso nessuna decisione quindi non è ancora il momento di parlarne ma presto lo saprò”.

Intanto, nella settimana di pausa tra un GP e l'altro, che ha trascorso in Italia, il forlivese ne ha approfittato per tornare sulla sua amata moto da cross: “Ci sono tornato questa settimana - ha concluso - ma non è stata la prima volta. Non riesco a starci lontano. Mi piace guardare anche l'enduro ma è troppo difficile per me non sono abbastanza alto per guidare una moto del genere”.

Assoluti Enduro: il titolo 2020 va a Holcombe, secondo è Oldrati