MotoGP, Rainey: “Punto su Mir per il Mondiale”

MotoGP, Rainey: “Punto su Mir per il Mondiale”© GPAgency

La Leggenda della 500 dice la sua sulle ultime gare e sulla corsa al titolo, puntando sullo spagnolo della Suzuki come favorito numero uno per prendersi il Mondiale

6 novembre 2020

Quando una Leggenda parla non lo fa mai per caso e dopo l’investitura del totem Suzuki Kevin Schwantz, per Joan Mir arriva anche quella di un’altra leggenda della 500, ovvero Wayne Rainey.

Mr MotoAmerica, nell’ultima puntata della serie di interviste rilasciate a Motogp.com ha parlato dell’attuale situazione nella MotoGP con la corsa al titolo indicando proprio lo spagnolo di Suzuki come favorito numero 1 per prendersi l’alloro iridato, grazie alla sua consistenza mostrata in gara nonostante ancora lo zero alla casella vittorie. 

MotoGP GP Europa, Mir: “Sento la pressione, ma non bado agli altri”

“Mir ha tutte le carte in regola per vincere il Mondiale”


Wayne Rainey ha scelto il suo candidato numero 1 per vincere il titolo, ovvero Joan Mir. “Il pilota che mi ha impressionato di più quest’anno è Joan Mir. E’ davvero veloce, molto costante. In gara è quarto-quinto ma sempre in lotta per il podio, non ha ancora vinto ma è comunque vicino a vincere la sua prima gara. Dunque è un problema per tutti per la sua costanza, e la costanza è quella che permette di vincere i mondiali. Devono stare tutti attenti a Mir, una volta che vincerà la sua prima gara avrà ancora più confidenza.” 

Esclusiva, Mir: “Sono un perfezionista”

Gli avversari


Rainey ha parlato anche dei primi inseguitori di Mir, ovvero i due piloti Yamaha Quartararo e Vinales: “Ho visto Quartararo vincere delle gare e poi nelle successive non essere in top 10, stessa cosa per Vinales. Se risolvono i problemi con la Yamaha possono essere una minaccia per Mir. Maverick ha un grande team dietro di sé, Yamaha farà di tutto per metterlo in condizione di vincere”.

La Leggenda della 500 ha espresso il suo parere su Dovizioso dicendo che “ha vinto una gara ma non è riuscito a dar continuità con risultati consitenti”. Si è detto contento anche per Alex Marquez definendolo “simile a Marc ma più dolce nella guida, sono contento per lui e per Honda”. 

MotoGP, situazione motori: Suzuki in vantaggio sull'affidabilità

Distanza ridotta


Sulla situazione attuale del Mondiale, Rainey dice: “E’ incredibile la competitività di moto e piloti quest’anno, una cosa che non si era mai vista. La distanza tra i top e il fondo della griglia si è assottigliata e c’è un solo secondo di distacco. Chiaramente sono i migliori al mondo e i valori sono ben definiti ma quest’anno è tutto diverso. L’infortunio di Marquez ha creato questa situazione”. 

In conclusione, Rainey dà anche il suo pronostico sull’esito del Mondiale: “Chi finisce con il maggior numero di punti è Campione del Mondo. Per ottenere il titolo, tutti i contendenti devono stare almeno sul podio o tra i primi 4, chi esce dalla top 4 esce anche dalla lotta per il titolo”.

MotoGP, GP Europa: gli orari TV di Sky, DAZN e TV8

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi