Seconda posizione sulla griglia di Valencia per Alex Rins, preceduto per un soffio dal poleman Pol Espargaro. La lotta per la prima casella è stata serratissima: solo 40 millesimi hanno separato Rins dalla KTM di Espargaro, al termine di una Q2 combattuta e influenzataa dalle condizioni miste della pista che andava man mano asciugandosi. 

Il pilota della Suzuki non nasconde la sua soddisfazione per il risultato ottenuto: "Sono molto contento di partire dalla prima fila domani", ha dichiarato in conferenza stampa. "È molto importante in vista della gara perché in passato abbiamo sofferto molto in qualifica. La pista era molto scivolosa, c'era solo una piccola traiettoria in condizioni asciutte. Credo che siamo stati tutti molto fortunati perché era molto semplice uscire di pista e fare una brutta caduta".

MotoGP Europa, Quartararo: “Ho zero confidenza, la situazione è frustrante”

"Fondamentale il lavoro sul set up della moto" 


Il merito della prestazione è tutto nel lavoro svolto ai box: "Abbiamo cambiato alcune piccole cose sulla moto prima delle qualifiche perché mi mancava qualcosina e stavamo cercando più grip al posteriore", ha ammesso lo spagnolo.

I rivali per il titolo partiranno qualche casella più indietro e Alex ne vuole approfittare: "Innanzitutto dobbiamo pensare al warm up e quali gomme scegliere - ha analizzato Alex - non giriamo a Valencia in condizioni asciutte dall'anno scorso. In gara avremo 27 giri: sarà lunga, vedremo".

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

Sarà fondamentale iniziare il Gran Premio col piede giusto: "Cercherò di spingere fin dall'inizio e vedremo cosa riusciremo a fare. La mia strategia sarà spingere fin dall'inizio. Gli altri contendenti per il titolo partiranno un po' più indietro, ma dovremo concentrarci su noi stessi e spingere dall'inizio alla fine".

Attualmente Rins ha 32 punti di distacco dal capoclassifica Joan Mir, quinto nelle qualifiche a Valencia e protrebbe approfittare della prima fila per ridurre ulteriormente il gap.

MotoGP GP Europa, Pol Espargarò: “In gara rischierò dal primo all'ultimo giro”