Le porte della MotoGP sembrano essersi chiuse definitivamente per Tito Rabat: con l'arrivo di Luca Marini nel team Esponsorama Racing al fianco del già annunciato Enea Bastianini, non sembrano esserci più spiragli per vedere il pilota spagnolo al via del Motomondiale anche nel 2021.

GP Europa, Dovizioso: "Prima del via non stavo bene, temevo finisse male" 

"Devo ancora capire un po' di cose"


In un'intervista concessa al sito della MotoGP, Rabat non ha voluto fornire dettagli sul suo futuro: “Ho ancora bisogno di sapere alcune cose prima di parlare. Vedremo cosa succederà", ha esordito il campione del mondo 2014 della Moto2.

"Quello che voglio è la possibilità di stare davanti, lottare per la vittoria e divertirmi sulla moto. Nel corso di questi anni in MotoGP non ho mai avuto questa opportunità. Chi ne capisce un po' sa che non ho mai avuto l'opportunità di essere davanti", ha continuato Rabat, rimarcando gli anni difficili vissuti nelle retrovie della classe regina.

Per il futuro si parla di un passaggio in Superbike, magari rimanendo sempre nell'orbita Ducati. Anche qui Tito non si sbilancia: "Devo ancora parlarne. Come ho detto, ho bisogno di sapere molte cose. Voglio correre per divertirmi. Ho il livello per farlo, l'ho raggiunto con tanto impegno".

GP Europa, Rossi: "Se Yamaha lavorasse meglio, potremmo ottenere di più"