Dopo aver centrato la prima vittoria in carriera in MotoGP domenica scorsa nel Gran Premio d’Europa, per Joan Mir si aprono le porte del Paradiso, ovvero il primo titolo in top class e contestualmente per Suzuki potrebbe arrivare anche il primo titolo costruttori dal 1982.

Il maiorchino, arriva al Gran Premio della Comunità Valenciana di questo fine settimana, con un vantaggio di 37 punti sulla coppia Quartararo-Rins e 41 punti su Maverick Vinales. Quasi del tutto tagliati fuori sono invece Morbidelli ed Andrea Dovizioso, lontani 45 punti. 

MotoGP, Mondiale Piloti: Mir è sempre più leader della classifica

Primo match point, dunque, per Joan Mir e la Suzuki, che a meno di cataclismi nella gara di questo fine settimana, potrebbero essere decretati Campioni del Mondo 2020 al termine del secondo appuntamento di Valencia.

Vediamo, tutte le possibili combinazioni affinchè lo spagnolo e la squadra di Hamamatsu tornino sul tetto della classe regina nel Mondiale Piloti e Costruttori, dopo 20 e 38 anni dall'ultima volta. 

Le combinazioni per il titolo


Il leader del Mondiale potrà laurearsi campione al termine della gara di questo fine settimana se…

Sale sul podio. i risultati dei suoi avversari (Rins, Quartararo) sono ininfluenti.

Arriva quarto, quinto o sesto e Fabio Quartararo o Alex Rins non vincono.

Arriva settimo e Quartararo, Rins o Maverick Viñales non vincono.

Arriva ottavo, nono o decimo e Viñales non vince mentre Quartararo e Rins non fanno meglio di un terzo posto.

Arriva 11° e Viñales, Franco Morbidelli o Andrea Dovizioso non vincono e Quartararo e Rins non fanno meglio di un terzo posto.

Arriva 12°, 13° o 14°e Morbidelli o Dovizioso non vincono, Viñales non fa meglio di un terzo posto e Quartararo e Rins non vanno sul podio.

Arriva 15° e Morbidelli o Dovizioso non vincono, Viñales non fa meglio di un terzo posto e Quartararo e Rins non fanno meglio di un quinto posto.

Non va a punti ma con Morbidelli e Dovizioso che non fanno meglio di un terzo posto, Viñales non arriva sul podio, Quartararo e Rins non fanno meglio di un quinto posto.

Suzuki campione se…


Suzuki arriva alla seconda gara di Valencia con 7 punti di vantaggio sulla Ducati, grazie alla penalità inflitta a Yamaha per la questione valvole motori.

La casa di Hamamatsu può centrare anche il titolo costruttori se il proprio primo pilota alla bandiera a scacchi riuscisse a conquistare almeno 18 punti in più rispetto al primo pilota Ducati, uno in più della miglior Yamaha e perdendo al massimo tre punti rispetto alla prima delle KTM.

MotoGP, GP Valencia: gli orari TV di Sky, DAZN e TV8