Garrett Gerloff era stato messo nuovamente in allarme per sostituire Valentino Rossi al GP di Valencia in calendario questo weekend, ma ancora una volta il texano della Superbike dovrà rimandare il suo debutto in MotoGP.

Il nove volte iridato, infatti, è risultato negativo al COVID-19 dopo l’ultimo tampone che ha effettuato questa mattina e potrà prendere parte al Gran Premio spagnolo.

L’allarme era scattato due giorni fa, martedì 10 novembre, a seguito di un tampone in cui Rossi era risultato debolmente positivo. Rossi ha fatto eseguire altri due tamponi ieri e oggi, come da regolamento FIM, ed entrambi risultati sono negativi. La conferma ufficiale arriva daYamaha: Valentino Rossi potrà prendere parte al Gran Premio de la Comunitat Valenciana di questo fine settimana.  

Un "falso positivo"


Martedì 10 novembre Rossi si è sottoposto al consueto tampone, obbligatorio per chi torna a casa tra una gara e l'altra. Il risultato di questo primo test è diventato disponibile il giorno successivo ed ha fornito il responso di “positivo con carica virale molto bassa”. I medici hanno consigliato a Rossi di fare altri due esami, a intervalli di 24 ore.

Mercoledì 11 novembre Rossi ha effettuato un secondo tampone, il cui risultato negativo è arrivato questa mattina, confermando che il primo tampone aveva fornito un "falso positivo".

Oggi Rossi ha effettuato un terzo tampone a casa e poi si è recato a Valencia, in Spagna, dove si è autoisolato in attesa del risultato, che è stato ancora una volta negativo, consentendo a Rossi di tornare nel box Yamaha e, soprattutto di poter scendere in pista per disputare il penultimo round della stagione.

MotoGP, Dr. Costa: “Bisognava pensare prima al trapianto per Marc Marquez”