MotoGP: Quartararo e Yamaha in discesa, chi ha le colpe maggiori?

MotoGP: Quartararo e Yamaha in discesa, chi ha le colpe maggiori?© Milagro

Ecco cosa ne pensate dei recenti sviluppi del Mondiale MotoGP che hanno visto il francese e la moto di Iwata scendere dal ruolo di favoriti a quello di inseguitori a vantaggio di Mir e Suzuki anche a causa dei problemi di affidabilità

12 novembre 2020

Mancano due gare alla fine della stagione e la situazione per Quartararo e Yamaha è drasticamente cambiata: da lepri ad inseguitori. Fabio Quartararo sembra aver perso la confidenza mostrata ad inizio stagione, con le due vittorie consecutive di Jerez ,anche a causa di problemi tecnici e delle troppe scivolate nei momenti cruciali della gara.

Yamaha dal canto suo, ha perso la leadership del campionato costruttori "grazie" alla penalizzazione per aver cambiato le valvole delle quattro M1 in pista, per ovviare ai problemi di affidabilità che hanno portato Vinales a dover punzonare un sesto motore perchè a corto di unità nuove in questo finale di stagione costringendolo a partire dalla pit lane la scorsa gara.

Nell’ultimo sondaggio vi abbiamo chiesto quale sia la causa di questo peggioramento di prestazioni, da parte di Fabio e della moto di Iwata. Ecco cosa ci avete risposto.

Quartararo non è più quello di prima


Il 15% dei votanti ha “incolpato” il pilota francese votando l'opzione “È mancato il pilota: Fabio non è riuscito a gestire la pressione”. Secondo i votanti infatti, Fabio sarebbe reo di non essere in grado più di gestire la pressione. Gli va dato atto di essere ancora giovane e questo è il primo anno vero nel quale può lottare per qualcosa di importante ma sembra effettivamente crollato mentalmente soprattutto nella seconda parte di stagione, trovandosi spesso ad inseguire.

Anche nelle interviste che rilascia non è più quello di inizio anno a livello mentale, pur volendo ancora combattere fino alla fine. Questo perchè matematicamente ancora non è tagliato fuori dalla lotta per il Mondiale anche se il favore è tutto dalla parte di Mir. Anche il voler tornare ad usare la moto 2019 per via di un amore mai sbocciato con la moto factory di quest'anno la dice lunga su quanto Fabio sia cambiato dall'inizio stagione ad oggi.

La Yamaha è mancata


Un altro 15% di votanti ha optato per dare le colpe alla Yamaha, scegliendo la voce “E’ mancata la Yamaha: la moto non è all’altezza della concorrenza”. Ad Iwata e a Gerno di Lesmo devono fare un grosso mea culpa per aver buttato al vento una stagione che sembrava ben indirizzata visti i problemi di Honda ed una Ducati in affanno; senza considerare la Suzuki, esplosa nella seconda parte di stagione. Di certo, anche il valvole-gate non aiuta i piloti in questo finale di stagione, contro una Suzuki-carrarmato sempre affidabile.

MotoGP: ecco perché è giusta la sanzione comminata a Yamaha

Un mix di entrambe le cose


La maggioranza, 70% dei votanti, ha optato per il mix di colpe tra Quartararo e Yamaha “Sono mancati entrambi: El Diablo non è riuscito a guidare sopra ai problemi della M1”. Ed è preoccupantemente quello che sta accadendo dall’Austria in poi quando la moto ha cominciato ad accusare problemi diversi (freni, pressione delle gomme, motori) che Fabio sta facendo il compitino limitando i danni senza provare a raccogliere più punti possibili. Nel caso della prima a Valencia, poi, è arrivato al traguardo in ultima posizione senza darsi da fare per prendere più punti, ma chiudendo alle spalle di Vinales che partiva dalla pit lane…

MotoGP, GP Valencia: gli orari TV di Sky, DAZN e TV8

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi