Joan Mir ha scritto la storia, sua e della Suzuki, riportando alla Casa giapponese un titolo mondiale che mancava dal lontano 2000.

La giornata perfetta di Joan è stata condita dai complimenti di un altro maiorchino illustre, Jorge Lorenzo, intervenuto durante la conferenza stampa del dopo gara per felicitarsi del risultato ottenuto.

MotoGP Valencia, Brivio: "Mi davano del pazzo quando scelsi Suzuki"

"Sono molto felice per te, Joan", ha esordito Lorenzo"Penso che te lo meriti davvero. Alle persone che ti ripetono che hai ottenuto una sola vittoria dico che non sono d'accordo. La verità è che hai dimostrato di essere il pilota più forte in pista, quello che ha mostrato più costanza per tutta la stagione. Penso che sia un grande risultato per la Spagna e per  Maiorca, sono molto felice per il tuo titolo".

"Joan, hai fatto la storia"


"Come dicevo su Instagram, penso che tu abbia fatto la storia perché vent'anni senza vincere per la Suzuki erano troppi e, finalmente, hai raccolto questo titolo", continua il pentacampione. "Sei il terzo campione spagnolo a vincere in MotoGP e il quarto nella storia, il primo è stato Crivillé nella classe 500".

Uno dei grandi meriti di Mir è aver vinto presto, al secondo anno nella classe regina. “Hai vinto nella tua seconda stagione, quindi è incredibile il modo in cui hai mantenuto la calma, sei riuscito a gestire la pressione. È molto difficile da fare a 23 anni. Ora sei un uomo e un campione"

"Goditi questo momento"


Jorge Lorenzo conclude dicendo: "Se mi permetti di darti un consiglio, prenditi il ??tempo necessario per godertelo al meglio e impazzire nei festeggiamenti perché hai ancora 23 anni, hai molti anni davanti a te per vincere più gare e titoli. Spero che tu possa ottenerli, ma non sai mai cosa ti darà questo sport. Goditela al massimo, prenditi una o due settimane per godertela con i tuoi amici e la tua famiglia perché è un momento molto speciale che è molto difficile da raggiungere. Congratulazioni per questo risultato".

Siamo certi che Joan non mancherà di seguire la dritta del suo esperto conterraneo.

MotoGP Valencia, Dovizioso: "Si può vincere lavorando in modo semplice: Suzuki ne è prova"