Game over. L'ultimo weekend di Valencia ha consegna all'albo d'oro del mondiale MotoGP il titolo 2020. Con il 7° posto sul 'Ricardo Tormo' Joan Mir mette il sigillo sulla stagione riportando il Mondiale piloti ad Hamamatsu dopo 20 anni, dall'ultima affermazione targata Kenny Robert Jr con la 500. A tenere ancora vivo l'interesse - seppure in tono minore - resta la lotta per il platonico titolo di "vicecampione".

A far la voce grossa ci pensa Franco Morbidelli, che con il terzo successo stagionale supera tutti ai piani alti issandosi in seconda piazza davanti all'altra Suzuki, quella di Alex Rins, ieri quarto. Perdono terreno Maverick Vinales, che ha chiuso in un desolante 10imo posto, e Fabio Quartararo incappato in una caduta. Arretrato Andrea Dovizioso (8° al traguardo) che sta per apporre la parola "fine" alla sua esperienza con la Ducati in un modo che lui per primo non avrebbe voluto. Si spera in un ultimo guizzo di orgoglio in quel di Portimao nell'ultimo weeekend.