I social servono anche a conoscere meglio i propri idoli e Marco Melandri, oggi, ne ha approfittato per rispondere alle domande dei suoi fans. Alcuni gli hanno chiesto consigli sulla mountain bike, passione che Macho coltiva ormai da un po' di tempo, ma altri ne hanno approfittato per scavare più a fondo nel suo passato di pilota.

Honda VS Ducati


Tra le domande più curiose: quale è stata la moto più bella da guidare e quella che ha provato di più a farti male?
Melandri non ha avuto dubbi e nelle sue stories ha postato due moto: la Honda Movistar di colore azzurro che ha guidato nella classe regina per tre stagioni (dal 2005 al 2007) e che ha definito “spaziale” e la Ducati sempre MotoGP che invece ha cavalcato nella stagione 2008 definendola “difficile”. Se la Honda infatti nei tre anni gli ha fruttato un secondo, un quarto e un quinto posto nella classifica iridata, la Ducati gli ha fatto concludere la stagione in 17esima posizione.

Ma Melandri, grazie ai suoi tifosi, si è trovato a dover riflettere anche sulla stagione 2015, sempre nella classe regina, quando ha corso in sella all'Aprilia: “E' stata una stagione disastrosa! - ha scritto -. Non erano assolutamente pronti e io a quel tempo non credevo nel progetto. Inutile partire con un pilota demotivato”.

Coach Poggiali e i consigli per vincere un Mondiale: “L'importante è la costanza”

“Mugello 2005? Riguardatevi Barcellona 2005”


Archiviato il capitolo Aprilia, è stato tempo delle domande che hanno riguardato i suoi idoli, ma anche i sorpassi più belli. “Ho avuto tanti idoli - ha risposto Melandri - da Wayne Rainy a Kevin Schwantz passando per Mick Doohan. Oltre a loro non sono mancati quelli italiani come Fausto Gresini, Loris Capirossi, Alessandro Gramigni e Doriano Romboni”.

E per quanto riguarda i sorpassi più belli? Sia quelli fatti che quelli subiti, cosa c'è nella lista di Marco? “Tra i più belli - scrive - senza dubbio quelli fatti nel GP del Mugello 2005. Tutti ricordano quella gara”.

Una gara rimasta nella memoria in quanto quattro piloti italiani arrivarono nelle prime quattro posizioni con Valentino Rossi, Max Biaggi, Loris Capirossi e Marco Melandri. “Anche Barcellona 2005 fu però una bellissima gara - scrive ancora Macho - dove mi resi protagonista di un doppio sorpasso in staccata. Infine, tra i sorpassi più belli che ho subito senza dubbio quello di Laverty a Jerez 2013. Da paura!”.

Test Jerez SBK, Lowes con la Ninja "vecchia" fa meglio di Rea sulla 2021

“Stoner? Ho preferito tenerlo davanti”


Infine, tra le ultime domande anche qualche curiosità: All'ultimo giro, chi non vorresti avere dietro? Stoner, Rossi o Marquez? “Bè, sarebbe un bel segno perchè vuol dire che vai forte, però tipo nel GP della Turchia 2006 ho preferito tenere Stoner davanti, perchè potevo controllarlo e gestire la frenata. Le gare si vincono dopo la bandiera a scacchi!”.
Infine, sapete perchè Melandri ha sempre corso con il numero “33”? “Se lo giri di 90° - ha concluso - è MM”.

Esclusivo, Lucchinelli: “Mir ha vinto, ma gli altri dovrebbero vergognarsi…”