Si è concluso con un sesto tempo il venerdì del neo campione del mondo Joan Mir, desideroso di chiudere al meglio questa trionfale stagione.

GP Portogallo, Rossi: “Caduta strana, non avevo feeling all'anteriore”

"Lavoriamo sul setting"


"Su questa pista non è facile mettere a punto elettronica", spiega lo spagnolo a Sky Sport MotoGP. "Ci sono tanti punti diversi dagli altri tracciati, altri in cui non vedi nulla e parecchio impennamento".

Il lavoro da fare è tanto: "Abbiamo provato qualcosa a livello di setting, è importante tenere l'anteriore a terra" . Le sensazioni sono comunque buone: "Con la gomma media ho fatto un bel tempo e anche un giro con la soft, è stata una giornata positiva", conclude Mir. 

L'obiettivo è concludere l'annata regalando alla Casa giapponese il titolo costruttori, in una classifica che vede Suzuki e Ducati attualmente appaiate a 201 punti.

MotoGP, Rivola: “Se Savadori continua a sorprenderci, potremmo farci un pensierino…”