È stato un weekend da sogno, quello vissuto da Miguel Oliveira in occasione del Gran Premio del Portogallo. L'idolo di casa ha vinto partendo dalla pole position, conquistando così il secondo trionfo stagionale con i colori del team Tech 3, che lascerà nel 2021 per vestire quelli del team ufficiale al fianco di Brad Binder.

"Sono davvero felice per il fine settimana che ho vissuto qui a Portimao - ha detto il pilota portoghese nel post-gara - e non avrei mai potuto desiderare un finale di stagione migliore. Nelle FP4 mi sono accorto di avere un ottimo passo in vista della gara e, partendo dalla pole, ho pensato soltanto a spingere fino dall'inizio alla fine senza preoccuparmi degli avversari. Gestire le gomme è stato difficile, ma abbiamo effettuato la scelta giusta e non ho avuto grossi problemi. Peccato non aver avuto i miei tifosi sugli spalti".

GP Portogallo, Miller: "Sento già la responsabilità del team ufficiale"

"Quest'anno abbiamo raccolto meno di quanto meritassimo"


Non è mancato un commento sulla KTM, con cui ha acquisito un gran feeling nel corso della stagione: "È una moto completa che permette al pilota di sfruttarla al meglio con qualunque stile di guida. Va forte sia con una guida aggressiva come quella di Espargarò, sia con una più morbida come la mia. Su questa pista, però, la mia guida fluida mi ha permesso di ottenere questo grande risultato".

"Sono soddisfatto della stagione che si è appena conclusa - ha aggiunto Miguel - ma forse avremmo potuto ottenere qualcosa in più. Non mi lamento delle gare in cui sono caduto, ma di quelle in cui non sono stato abbastanza aggressivo in bagarre, dove avremmo meritato risultati migliori. Tutto ciò mi serve da lezione in vista del 2021, dove correrò nel team ufficiale e avrò maggiori responsabilità".

Moto2 GP Portogallo, Lowes: “Con due ossa rotte, il podio era inaspettato”