Al termine di un'annata difficile la Ducati è riuscita a vincere il campionato costruttori battendo la concorrenza nipponica, un risultato che a Borgo Panigale mancava dal 2007.

GP Portogallo, Oliveira: “Sapevo di avere le carte in regola per vincere”

"Risultato fondamentale"


Ai microfoni di Sky Sport MotoGP Gigi Dall'Igna non ha nascosto la sua soddisfazione: "Sicuramente vincere un campionato del mondo è fondamentale, soprattutto per un costruttore, perché dimostra la tecnologia che si è riuscita a sviluppare in questi anni. La cosa più importante è sviluppare tecnologie: Ducati in questo è senza dubbio avanti agli altri e lavorerò affinché continui ad esserlo anche in futuro".

"2020 complicato"


In questa stagione la Desmosedici non ha avuto vita facile ad abbinarsi alle nuove Michelin: "La cosa più complicata di questo 2020 è stata non riuscire a fare tanti test, è stato difficile trovare il giusto compromesso con la nuova gomma posteriore. In tante gare ci sono stati tanti protagonisti differenti e in altre quelli che erano stati protagonisti sono andati male. Noi siamo andati male ad Aragon e alla prima di Valencia: dovremo trovare un giusto set up anche in condizioni come quelle incontrate in quelle circostanze (temperature basse, ndr)", continua l'ingegnere italiano.

L'obiettivo per l'anno prossimo è chiaro: "Nel 2021 dovremo lavorare per portare a casa il campionato piloti", conclude Dall'Igna.

MotoGP, Lorenzo: “Dovizioso un buon pilota, ma non un campione”