Il Gran Premio del Portogallo è stato da dimenticare per Joan Mir e l'intero team Suzuki. Il campione del mondo 2020, scattato dalla ventesima posizione dopo alcuni problemi di natura tecnica in qualifica, è stato protagonista di un contatto con Bagnaia nelle battute iniziali, dopo il quale ha avvertito il guasto elettronico che ne ha causato il ritiro.

"Siamo stati protagonisti di un weekend sfortunato - ha detto il pilota spagnolo - e la gara è finita anzitempo perchè, dopo il contatto con Bagnaia, a cui chiedo scusa, si è disattivata completamente l'elettronica della moto, che da quel momento è diventata ingestibile e mi sono dovuto fermare. E' un peccato aver concluso così questa grande stagione".

GP Portogallo, Oliveira: “Sapevo di avere le carte in regola per vincere”

"Difficile superare a Portimao"


Joan ha poi parlato del tracciato portoghese, su cui ha corso per la prima volta: "Portimao è una gran bella pista, molto difficile ma divertente. Non è semplice effettuare dei sorpassi qui e soltanto grazie all'adrenalina dei primi giri sono riuscito a recuperare qualche posizione prima del ritiro. Non so in che posizione sarei riuscito ad arrivare senza il problema tecnico, ma sarebbe stato difficile recuperare i primi".

MotoGP, Lorenzo: “Dovizioso un buon pilota, ma non un campione”