Non si è concluso nel migliore dei modi l'anno da esordiente di Brad Binder, il cui Gran Premio del Portogallo è durato appena tre giri. Il sudafricano della KTM è riuscito ugualmente a conquistare il titolo di Rookie of the Year, chiudendo la stagione con più punti in classifica rispetto agli altri esordienti nella classe regina, ovvero Alex Marquez e Iker Lecuona.

"Ad essere sinceri, sulla gara non ho molto da dire. Fino al warm up mi sentivo bene sulla moto - ha dichiarato Brad al termine del fine settimana - e i primi giri di gara sono andati secondo i piani. Poi, però, sono scivolato per un mio errore ed è un peccato finire l'anno in questo modo. Mi servirà da lezione per il futuro".

MotoGP, Mondiale piloti: la classifica finale del 2020

"Sarà stimolante avere Oliveira come compagno di squadra"


Il 25enne di Potchefstroom si è detto sorpreso di aver conquistato il titolo di miglior esordiente: "Sono davvero sorpreso, perchè dopo la caduta non pensavo che sarei riuscito a mantenere il vantaggio in classifica. E' stata una stagione con alcuni alti e molti bassi, ma credo che la vittoria di Brno sia il ricordo più bello di questo 2020 sia per me che per la KTM. Sicuramente, per il 2021 dovrò migliorare la qualifica visto che in MotoGP partire davanti è molto più importante rispetto alle altre classi."

Infine, non è mancato uno sguardo a Miguel Oliveira, futuro compagno di squadra di Binder: "Sentirò sicuramente la mancanza di Pol Espargarò l'anno prossimo, ma sono felice di avere Miguel come compagno di team. Ci conosciamo bene e abbiamo già condiviso il box sia in Moto3 che in Moto2 in passato, perciò saremo colleghi, ma anche e soprattutto rivali e sarà stimolante spronarci a vicenda per raccogliere il massimo con ciò che avremo a disposizione".

GP Portogallo, Vinales: “È stata la stagione peggiore della mia carriera”