A stagione MotoGP ormai conclusa, sono saltati i soliti test ufficiali che solitamente venivano fatti a Valencia ma, per Aprilia, unico team rimasto a godere delle concessioni, è stato possibile girare a Jerez.

Il team ha quindi potuto testare alcune novità sulla RS-GP versione 2021 e tra i vari piloti scesi in pista c'era anche Aleix Espargarò.

Test positivi


Il primo a testare il nuovo prototipo Aprilia è stato però Bradley Smith, in attesa dell'arrivo, dal Portogallo, di Espargarò e Savadori. Come riporta Crash.net, durante la tre giorni di test sono state diverse le parti che sono state provate sull'Aprilia: tra tutte il nuovo motore, ma anche un nuovo telaio e un nuovo forcellone in carbonio.

Tutti e tre i piloti sono stati felici dei nuovo componenti provati anche se, per ciò che riguarda il motore, si è trattato soltanto di una “prima evoluzione” che ancora deve essere messa a punto.

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Bradley Smith (@bradleysmith38)

Ancora da capire chi sarà il secondo pilota


In Casa Aprilia per adesso non ci sono stati grossi stravolgimenti sulla line up 2021 e molto probabilmente non ce ne saranno: se Aleix Espargarò ha un contratto di due anni e quindi resterà in Aprilia anche nel 2021, il posto di Andrea Iannone, sospeso per 4 anni dopo la sentenza del TAS, ancora non è stato deciso da quale dei due collaudatori sarà preso. Aprilia ha detto però che dopo i test invernali che si svolgeranno a Sepang, arriverà la comunicazione ufficiale che potrebbe interessare anche il pilota italiano Lorenzo Savadori ingaggiato dalla Casa di Noale, oltre che come tester, anche nelle ultime tre gare del Motomondiale 2020.

Insomma, se ancora un grosso interrogativo resta da risolvere, sulla RS-GP sembra che invece il lavoro proceda nel migliore dei modi: l'obiettivo della Casa italiana da qualche anno a questa parte? Arrivare in top five. Chissà che il 2021 non sia l'anno giusto per riuscirci.

MotoGP, Quartararo: “Quest’inverno andrò dallo psicologo”