Il 2020 del team Tech 3 non poteva concludersi al meglio, grazie alla vittoria ottenuta da Miguel Oliveira sul circuito di Portimao. Per il portoghese si è trattato del secondo successo stagionale, dopo quello agguantato all'ultima curva in Austria.

Risultati ben oltre le più rosee aspettative: "Onestamente, sono senza parole", ha detto il team principal Hervé Poncharal al portale Crash.net. "Sapevamo che il fine settimana di Portimao sarebbe stato speciale, grazie al clima e alle persone che ci hanno accolto in Portogallo. Ma sapevamo anche che ci sarebbe stata una certa pressione e speravamo solo che tutto sarebbe andato bene".

Moto2 test Jerez, Baldassarri: “Pensavo di dover ripartire da zero con MV, invece no”

Grandi aspettative dopo la pole


Già dopo la pole ottenuta in qualifica Poncharal aveva capito che poteva essere un weekend da incorniciare: "Quando abbiamo fatto la pole, ho pensato 'Wow, abbiamo ottenuto qualcosa di eccezionale', ma sapevo che la parte più grande era domenica. Non ho dormito bene la notte, perché sapevo che le aspettative erano grandi e sapevo che c'era la possibilità di un grande risultato".

"Tutti i vertici della Red Bull e della KTM erano qui e sapevo quanto fosse importante questa gara per Miguel, quindi ero molto teso fino all'inizio della gara della MotoGP e una volta iniziata, era come una favola".

Adesso Oliveira è pronto per il team ufficiale


A impressionare Poncharal è stata la condotta di gara tenuta da Oliveira, in testa dal primo all'ultimo giro e capace di vincere con oltre 3 secondi di vantaggio su Jack Miller: "Non ci aspettavamo che Miguel andasse in fuga come ha fatto e creasse un tale distacco in pochi giri. Sono rimasto impressionato da quanto Miguel sia stato freddo, calmo per tutto il fine settimana. È davvero un bravo ragazzo, un grande campione" .

Adesso Miguel è pronto al salto nel team ufficiale, sostituendo Pol Espargaro in partenza verso la Honda: "Questa vittoria è stata la seconda dell'anno, la seconda con Miguel ovviamente e la seconda con la KTM. È stata una dimostrazione di quanto Miguel insieme alla KTM RC16 siano semplicemente in paradiso. Come ho detto ai ragazzi della KTM Factory, Miguel è pronto, quindi ora avranno un pilota di punta della MotoGP per il prossimo due stagioni".

Enea Bastianini: dal titolo in Moto2 al... poster su Motosprint!