Tra i vari addii che ci sono stati domenica 22 novembre in MotoGP, c’è stato anche quello di Cal Crutchlow, che appenderà il casco al chiodo da pilota titolare e in futuro lo vedremo in pista solo come collaudatore con i colori Yamaha. L’inglese ha lasciato in molti un buon ricordo, grazie alla sua pura onestà e al suo carattere divertente e senza filtri, ma con Jack Miller è nata una vera e propria amicizia (qui le sue ultime parole pubbliche sull'inglese). 

Tutto è nato nel team LCR


I due sono stati compagni di squadra solo nel 2015, quando Crutchlow iniziava la sua lunga collaborazione con il team LCR e Miller faceva il doppio salto dalla Moto3 alla MotoGP. Proprio per questo motivo probabilmente tra i due è nato uno stretto rapporto, con l’esperto Cal che ha insegnato i trucchi del mestiere al giovane Jack. Dalla stagione successiva non hanno più condiviso il box, ma l’inglese era diventato un punto di riferimento per l’australiano all’interno del paddock e lo è stato fino al 22 novembre 2020.

MotoGP, Crutchlow: "Spero che Miller possa lottare per il titolo nel 2021"

Una dedica speciale


Miller ha voluto così dedicargli un saluto particolare e sui suoi social ha condiviso alcune loro foto con questa didascalia: “Prima di concludere la stagione 2020 e passare al capitolo successivo, non posso andare avanti senza dire qualche parola sul mio vecchio amico Crutchlow. È un'icona di questo sport da 10 anni, uno dei ragazzi che abbia mai visto lavorare così duramente. Vedendo quanto sodo hai lavorato, fa impallidire quello che ho fatto io e porterò con me tutto ciò che ho imparato da te”.

L’ultimo ricordo insieme riguarda proprio il Gran Premio del Portogallo: “Passare insieme nella Q2 in Portogallo è stato speciale, proprio come due ottimi compagni che si sono divertiti alla guida della propria moto. Sarò per sempre grato di condividere con te la nostra amicizia, grazie Crutch ".

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jack Miller (@jackmilleraus)

GP Portogallo, Miller: "Sento già la responsabilità del team ufficiale"