Lo sponsor Estrella Galicia ha riunito i fratelli Marquez per un'intervista a tutto tondo, pubblicata mercoledì su YouTube.

Tocca ad Alex Marquez esordire, con alcune riflessioni sulla stagione appena trascorsa, senza tifosi sugli spalti:  "È tutto diverso, durante il giro d'onore non hai molti stimoli, per così dire. Tutto è stato molto diverso, ma ci siamo tutti abituati e siamo grati che, alla fine, abbiamo potuto disputare il Mondiale e abbiamo potuto godere della nostra passione", spiega il pilota Honda Repsol.

MotoWeek, Dovizioso: “Ducati? È sempre tutto esplosivo con gli italiani”

Marc: "Mio fratello? Una stagione molto buona"


Un anno strano, senza Marc Marquez. "È stato un anno anormale in tutto, soprattutto per me", dice l'otto volte campione del mondo. Fermo a casa per l'infortunio al braccio destro, Marc è diventato il primo tifoso di suo fratello: "Una valutazione sulla stagione di Alex? Molto buona, perché è stato in grado di ottenere due podi nella sua prima stagione. Una cosa è fare i test e poi iniziare, e l'altra stare senza moto per molto tempo, e poi iniziare una gara come accaduto quest'anno".

"Sono onesto, non mi aspettavo un podio", continua Marc Marquez. "Non me lo aspettavo, a volte mi diceva 'Farò un podio sul bagnato o qualsiasi altra cosa, ma farò un podio quest'anno', ma non me l'aspettavo. Quando lo ha fatto a Le Mans è stato un grande risultato. Ma penso che sia stato ancora più importante il risultato delle due gare ad Aragon, poi a Portimao finendo anche nei primi 10".

L'anno prossimo Alex correrà per il team LCR, mentre Marc attende di sapere con certezza quando potrà tornare in pista. L'ipotesi di una terza operazione non è ancora tramontata e si attendono notizie in merito.