Valentino Rossi non ha ancora messo piede al team Petronas che le dichiarazioni del suo nuovo team manager Wilco Zeelenberg non appaiono molto favorevoli nei suoi confronti.

Se quest'estate si era espresso ritenendo Vale “un grande pilota” ma non “il futuro della squadra malese”, in un'intervista a Speedweek è tornato a parlare del nove volte iridato parlando di una precisa strategia che Rossi dovrà seguire una volta che si troverà al box.

“Era scontato che Fabio ci lasciasse”


“Nel 2019 abbiamo detto ai nostri piloti che il nostro obiettivo era quello di ottenere il massimo possibile come team satellite - ha spiegato Zeelenberg - in modo che entrambi potessero essere trasferiti al team ufficiale. Era chiaro fin dall'inizio che avremmo perso Fabio Quartararo, perché l'anno scorso ha mostrato prestazioni davvero eccellenti. Avrebbe voluto restare con noi, ma poi ci sarebbero state differenze finanziarie troppo grandi per lui. La Yamaha voleva Fabio e noi non volevamo litigare”.

Il team manager Petronas è quindi andato avanti parlando di Valentino Rossi, ribadendo l'interesse della squadra non soltanto nei confronti dell'italiano: “Yamaha aveva già promesso a Valentino un posto per la stagione 2021. Poi è sorta la domanda: possiamo garantire che Valentino ottenga risultati migliori rispetto a quest'anno? Avevamo altri piloti da tenere in considerazione, ma se non puoi decidere su un certo nome, e la Yamaha ha promesso a Valentino il posto in Petronas... Sarebbe stato stupido non considerare almeno questa sfida con Valentino”.

MotoGP, Marc Marquez: “Anno anormale. Non mi aspettavo i podi di Alex”

“Con Rossi siamo stati chiari”


Con un pezzo da 90 come Vale in squadra, quindi, le dinamiche al box malese potrebbero cambiare. Zeelenberg su questo è categorico: Vale è una persona importante in questo mondo - ha specificato -, ma siamo stati molto chiari: “se guidi per Petronas, determiniamo noi la strategia”. Lui avrebbe voluto portare con sé i suoi meccanici e tecnici, ma gli abbiamo detto che alla fine avevamo la responsabilità ultima nei confronti di Petronas, nonostante il suo accordo con la Yamaha. Gli abbiamo anche detto che avrebbe sostituito Fabio, quindi che avrebbe preso il suo posto al box”.

MotoWeek, Rinaldi: “Vincere ti permette di fare uno step mentale”